ELEZIONI COMUNE DI TAGGIA
 / Cronaca

Cronaca | 27 gennaio 2022, 12:43

Sanremo: l'Anpi non invitata alle cerimonie per la 'Giornata della Memoria', dura presa di posizione di Amelia Narciso

E' un inaccettabile comportamento, e teniamo a ribadire che noi siamo e saremo sempre presenti e, per evitare ulteriori disguidi, nelle prossime occasioni ci organizzeremo adeguatamente e con un congruo anticipo”.

Sanremo: l'Anpi non invitata alle cerimonie per la 'Giornata della Memoria', dura presa di posizione di Amelia Narciso

“Caro Sindaco e amministratori tutti, desideriamo innanzitutto informarvi che, nonostante gli auspici di molti, come purtroppo ci sembra legittimo credere, la sezione ANPI ‘G. Cristiano Pesavento’ di Sanremo esiste sempre, è sempre attiva e presente alla storia e alle ricorrenze della memoria della nostra comunità”.

Sono le parole della presidente della sezione Anpi sanremese, Amelia Narciso - che lamenta il mancato invito alla cerimonia per il ‘Giorno della memoria’ di oggi e per la posa delle pietre di inciampo di domani. “Ci chiediamo come sia stato possibile – prosegue l’Anpi matuziano - che la cerimonia del giorno della memoria e quella della posa delle pietre d'inciampo siano state programmate in sordina, con comunicazioni volte solo a singoli cittadini e solo ad alcune associazioni d'Arma e alle autorità militari, senza alcuna informativa né in presenza, né telefonica né via mail alla nostra, che probabilmente infastidisce e disturba con la propria partecipazione e presenza”.

“Nelle settimane precedenti, fino allo scorso lunedì – prosegue l’Anpi - ci siamo incontrati con vice Sindaco e Assessore alla Cultura, abbiamo chiesto informazioni precise sulla programmazione del Comune per questi eventi, abbiamo rinnovato via mail la richiesta di una comunicazione precisa, e il risultato? Nel silenzio assoluto e per noi assordante! Oggi, giunti al Monumento dei Caduti di Cefalonia, con la lapide degli IMI davanti ai quali, su informativa del dott. Gustavo Ottolenghi (unico avvisato) era prevista la cerimonia alla 10, ma abbiamo trovato tutto già quasi concluso, poiché era stata modificata l'ora, come lo stesso oratore aveva scoperto, casualmente, poco prima”.

“Ci chiediamo seriamente – termina il presidente dell’Anpi, Amelia Narciso - se il Comune di Sanremo è in grado solo di organizzare il Festival, con barriere nelle strade e tappeti di erba sintetica e naturale e tutto il contesto intorno e non ha il tempo o la volontà di riflettere per un giorno sul significato della celebrazione. Se fosse così ci preoccuperemmo come cittadini per questa manifesta indifferenza e superficialità. Se, ancora peggio, questo è per deliberata scelta un tentativo di tagliare fuori da queste memorie l'Anpi e tutti coloro che ancora ricordano e non vogliono dimenticare! Qualunque siano le motivazioni, esse rappresentano, specie in questo momento, un inaccettabile comportamento, e teniamo a ribadire che noi siamo e saremo sempre presenti e, per evitare ulteriori disguidi, nelle prossime occasioni ci organizzeremo adeguatamente e con un congruo anticipo”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium