ELEZIONI COMUNE DI TAGGIA
 / Cronaca

Cronaca | 25 gennaio 2022, 07:14

Coronavirus: la pandemia rallenta anche nella nostra provincia, cala la pressione su ospedali e pronto soccorso

Il Primario del reparto di Malattie Infettive, Giovanni Cenderello, conferma "Quanto vediamo oggi è il risultato della variante Omicron, che porta un alto numero di contagi ma con molte meno ospedalizzazioni. Un po’ quello che avevamo visto dai dati in inglesi un mese fa"

Coronavirus: la pandemia rallenta anche nella nostra provincia, cala la pressione su ospedali e pronto soccorso

Anche nella nostra provincia si registra un rallentamento della pandemia, come nel resto d’Italia. I numeri sono chiari e la conferma ci arriva anche dall’ospedale di Sanremo, il ‘Covid Hospital’ della nostra provincia.

“La pressione è calata – ci ha detto il Primario del reparto Giovanni Cenderello – e anche i pazienti in terapia intensiva si sono dimezzati rispetto alla settimana scorsa. Quanto vediamo oggi è il risultato della variante Omicron, che porta un alto numero di contagi ma con molte meno ospedalizzazioni. Un po’ quello che avevamo visto dai dati in inglesi un mese fa, ancor prima che noi testassimo sul campo la situazione che si è creata in questo periodo”.

Ci sono molte differenze tra il 2021 e quest’anno. Lo scorso, infatti, stavamo vivendo una netta risalita dei contagi, tanto che il previsto Festival di Sanremo che si stava per svolgere nel mese di marzo era stato messo a rischio, mentre alcuni addirittura ne chiedevano il suo rinvio alla primavera. “Lo scorso anno – prosegue Cenderello – abbiamo avuto a che fare con l’ingresso della variante inglese e vissuto sicuramente il periodo in cui abbiamo patito di più”.

Non solo nei reparti c’è un lieve calo della pressione sugli operatori sanitari. Anche al Pronto Soccorso l’afflusso dei casi Covid è decisamente calato rispetto a dicembre e al periodo delle feste: “Anche questo è un buon segnale – sottolinea Cenderello – e possiamo solo augurarci che si prosegue verso questa strada”. Lo scorso anno, lo ricordiamo, di questi tempi la tendenza era verso una nuova recrudescenza del virus, con le chiusure serali di bar e ristoranti, oltre alla presenza del coprifuoco.

Difficile fare previsioni ma il calo dei giorni scorsi fa ben sperare: “Certo che, come sempre dico, non abbiamo la sfera di cristallo, ma da quello che vediamo la situazione dovrebbe migliorare prima, rispetto all’anno scorso”. Per quanto riguarda la cosiddetta ‘quarta dose’ ci sono previsioni in merito? “Non lo sappiamo ancora ma sarà possibile, in particolare per i soggetti fragili”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium