/ Politica

Politica | 28 ottobre 2021, 07:21

Sanremo: ramo elettrico di Amaie in Amaie Energia, critiche dall’opposizione per i tempi della pratica “Così il consiglio comunale è un passacarte”

Polemica per la commissione convocata a 24 ore dall’assise: “I consigli monotematici sono rimasti l’unico strumento che abbiamo per comunicare con voi”

Sanremo: ramo elettrico di Amaie in Amaie Energia, critiche dall’opposizione per i tempi della pratica “Così il consiglio comunale è un passacarte”

Tra i tanti temi che il prossimo consiglio comunale sarà chiamato ad affrontare, grande rilevanza avrà l’integrazione del ramo elettrico di Amaie in Amaie Energia. Operazione che, di fatto, andrà da un lato a potenziare ancor di più la multiutility matuziana e, dall’altro, scongiura la cessione a terzi paventata qualche anno fa.
Il tema è stato discusso in quarta commissione a circa 24 ore dalla votazione in consiglio comunale, circostanza che ha non poco indispettito le opposizioni come emerso a chiare lettere dalle parole dei consiglieri Artioli, Ventimiglia e Lombardi.

In queste ultime ore Amaie ha completamente saldato i debiti nei confronti di Cassa Conguaglio e oggi questo ha un effetto rilevante sul bilancio della società che non ha più il fardello pesante degli interessi passivi molto alti - ha spiegato l’assessore alle Società Partecipate, Massimo Rossano, in sede di esposizione della pratica - Amaie oggi si presenta sana dal punto di vista patrimoniale senza nessuna necessità di prendere recisioni con l’acqua alla gola. Proporremo la delibera per sospendere l’indirizzo che abbiamo dato nel settembre del 2019 con delibera numero 67. Oggi rimodelliamo l’indirizzo guardando in casa e vedendo che Amaie Energia potrebbe essere il soggetto giuridico che, opportunamente verificato, potrebbe essere il vero partner del ramo elettrico. Deliberiamo lo studio volto a verificare la migliore forma di integrazione e verificando la sostenibilità economico/finanziaria dell’operazione. Una volta votato l’indirizzo, torneremo in consiglio comunale per dare l’approvazione al percorso e la strategia per dare un futuro concreto al ramo elettrico”.

Dure le critiche arrivate dai consiglieri Andrea Artioli, Daniele Ventimiglia e Luca Lombardi, non tanto sulla pratica, ma sui tempi di convocazione della commissione a sole 24 ore dal consiglio comunale.
Il consiglio comunale viene preso come un passacarte” ha tuonato Artioli, al quale hanno fatto eco le parole di Ventimiglia: “Mancanza di stile inserire pratiche così delicate in un monotematico su Casa Serena”.
Potremmo presentare degli emendamenti, ma siamo a 24 ore dal consiglio comunale - ha concluso Lombardi - non obbligateci a chiedere consigli monotematici, sono rimasti l’unico strumento che abbiamo per comunicare con voi”.

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium