/ Attualità

Attualità | 01 ottobre 2021, 12:07

Imperia: ecco il nuovo Questore "Fare squadra per la sicurezza dei cittadini, a Ventimiglia aumenteremo le forze" (Foto e Video)

“Già abbiamo ottenuto grandi risultati, ha detto, con l’abbattimento dei respingimenti dalla Francia, ma abbiamo notato che c’è un forte dispositivo con presenza importante di reparti aggregati. Monitoreremo ancora la situazione"

Imperia: ecco il nuovo Questore "Fare squadra per la sicurezza dei cittadini, a Ventimiglia aumenteremo le forze" (Foto e Video)

E’ stato presentato questa mattina il nuovo Questore della provincia di Imperia, Giuseppe Felice Peritore. 58 anni, laureato in Giurisprudenza e abilitato alla professione di avvocato, entra nell’Amministrazione nel 1988 con assegnazione come prima sede presso la Questura di Bergamo.

“Sono onorato di avere l’opportunità di servire questa città e provincia - ha detto presentandosi - che sono bellissime. Oggi abbiamo incontrato i dirigenti, facendo l’analisi della Questura e della provincia, mettendo a fuoco gli aspetti che ci riguarderanno nei prossimi mesi. In particolare il rafforzamento del controllo del territorio, della prevenzione dei reati con il rafforzamento delle pattuglie che saranno immesse in strada, per essere vicini alla gente. Vedremo di aumentare la presenza della Polizia di Stato e con le altre forze, grazie a pattuglie in auto e moto”. Come intende operare a Ventimiglia con le sue problematiche ben note? “Già abbiamo ottenuto grandi risultati con l’abbattimento dei respingimenti dalla Francia, ma abbiamo notato che c’è un forte dispositivo con presenza importante di reparti aggregati. Monitoreremo ancora la situazione, cercando di aumentare la presenza della Polizia su Ventimiglia”. Tra i suoi principi cardine quello di fare squadra: “Come indicato dal Capo della Polizia è sicuramente l’arma vincente e significa mettere insieme risorse, capacità e strumentazioni per raggiungere gli obiettivi comuni. Bisogna unire le componenti della Polizia di Stato ma anche con tutte le forze per garantire la sicurezza dei cittadini”.

Il nuovo Questore, dal 1990 al 2014 ha svolto servizio presso la Questura di Palermo, dove ha diretto Uffici particolarmente impegnati nel contrasto al crimine organizzato e nella prevenzione della criminalità diffusa, tra i quali il Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza di Termini Imerese e successivamente il Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza di Bagheria. Nella stessa sede è stato il dirigente della Sezione di polizia giudiziaria della Digos. L’ultimo incarico svolto a Palermo è stato quello di Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di livello Dirigenziale 'Zisa - Borgo Nuovo'.

Durante la permanenza a Palermo è stato aggregato in altre sedi  per lo svolgimento di servizi di ordine e sicurezza pubblica di rilievo nazionale. Da agosto 2014 fino a giugno 2020 è stato il Vicario della Questura di Agrigento. In questa sede è stato particolarmente impegnato nella gestione del flusso migratorio che interessa la costa agrigentina e l’isola di Lampedusa. In questi anni ha inoltre realizzato percorsi di formazione all’educazione della cultura della legalità, coinvolgendo le scuole della provincia. E’ stato anche docente di diritto di polizia nei corsi di aggiornamento e di addestramento professionale.

Promosso Dirigente Superiore con decorrenza 1° gennaio 2020, è stato inizialmente assegnato a Roma presso l’Ufficio Centrale Ispettivo del Dipartimento di Pubblica Sicurezza con l'incarico di Ispettore Generale. Dal 1° agosto 2020 è stato dirigente della prima Zona Polizia di Frontiera di Torino, competente delle frontiere marittime, aeree e terrestri del Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta. Durante la sua gestione è stata attivata la squadra mista italo-francese per i controlli di frontiera a Ventimiglia, ritenuta una innovativa forma di collaborazione internazionale tra forze di polizia.

Una volta insediato, l’obiettivo perseguito dal sig. Questore sarà quello di fare squadra non solo tra le componenti della Questura e delle Specialità della Polizia di Stato, ma anche tra le forze di Polizia, coordinate dal sig. Prefetto, per perseguire obiettivi comuni. Ulteriore finalità sarà quella di continuare l’attività investigativa, con il coordinamento dell’Autorità Giudiziaria. Grande impegno sarà profuso per il rafforzamento del sistema di prevenzione generale dei reati ed illeciti, con il potenziamento delle pattuglie sul territorio, automontate, motomontate ed appiedate. Sarà, infine, posta massima attenzione sulla Polizia di prossimità, perché tra le mission istituzionali rientra anche l’impegno sociale verso i più deboli.

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium