/ Cronaca

Cronaca | 03 marzo 2021, 09:01

Coronavirus: sempre elevata l'allerta nelle Alpi Marittime, il bilancio dall'inizio della pandemia è di 1.500 morti

Ieri l'agenzia regionale per la salute ha espresso i 'numeri' dell'emergenza, con 104 cluster presenti e un tasso di incidente di 561 ogni 100mila abitanti

Coronavirus: sempre elevata l'allerta nelle Alpi Marittime, il bilancio dall'inizio della pandemia è di 1.500 morti

La situazione pandemica da Covid-19 nelle Alpi Marittime, il dipartimento francese al confine con il nostro paese, è sempre particolarmente difficile.

L'agenzia regionale per la salute, infatti, ha tracciato un nuovo bilancio, evidenziando 1.509 morti per Coronavirus dall’inizio dell’emergenza, dei quali 1.076 negli ospedali e 433 nelle case di cura. Ieri c’è stato un nuovo deciso aumento dei ricoveri, 17 in più di lunedì con 114 pazienti in terapia intensiva, 5 in meno rispetto a lunedì.

Con un tasso di incidenza di 561 ogni 100.000 abitanti, le Alpi Marittime sono ancora il dipartimento dove il Covid-19 circola di più nelle zone metropolitane della Francia. Da non dimenticare che, ad oggi sono 104 i cluster oggetto di indagine da parte dell'agenzia regionale per la salute, all’interno del dipartimento.

Intanto, proprio dalla vicina Francia rimbalza l’idea sempre più possibile di un ‘passaporto sanitario’ per poter viaggiare la prossima estate in un altro paese.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium