Leggi tutte le notizie di 2 CIAPETTI CON FEDERICO ›

Attualità | 04 novembre 2020, 07:35

Coronavirus, a '2 ciapetti con Federico' l’attore Franco La Sacra: “Perché penalizzare i teatri che erano luoghi sicuri?”

"La proposta del Ministro Franceschini di trasmettere in streaming spettacoli teatrali a pagamento è un palliativo ma non è la stessa cosa - ha detto - il teatro è vita, è respirare insieme sul palco, è trasmettere delle emozioni, e questo tramite il web non avviene".

Franco La Sacra

Franco La Sacra

Durante la puntata di '2 ciapetti con Federico', andata in onda ieri sera, si è discusso anche delle ripercussioni che l'emergenza Covid-19 ha avuto sul mondo della cultura e del teatro in particolare. A parlarne è stato l'attore Franco La Sacra che ha analizzato le difficoltà del momento. 

"Il mondo del teatro e tutto quello che vi ruota intorno stanno soffrendo - ha detto - Ci sono lavoratori che sono fermi da parecchi mesi. Quando c'è stata la possibilità di riprendere, i teatri ed i cinema sono stati luoghi moto sicuri, perchè si sono organizzati per fare gli spettacoli in sicurezza. Sembra infatti che, su non so quante rappresentazioni in Italia, si sia registrato soltanto un contagiato. Mi viene quindi da pensare per quale motivo ci sia stata questa penalizzazione per teatri e cinema dove venivano osservate tutte le norme, le persone entravano con la mascherina, si sedevano a distanza e non parlavano tra di loro. I teatri piccoli purtroppo sono completamente fermi, per quello che ci riguarda in uno spazio come il Teatro dell'Albero a San Lorenzo al Mare dove sono accessibili solo 100 spettatori, secondo le norme ne potremmo fare entrare solo 20, quindi si riesce a fare poco. Mi risulta che la situazione qui in provincia sia molto buia, non c'è infatti alcun teatro che abbia in previsione una rassegna. Noi vogliamo continuare a mantenere viva la speranza, in primavera speriamo di poter ripresentare la stagione che era stata congelata. Io ho anche preparato un piano B, con la possibilità di fare due repliche in modo da poter contenere un minimo di spettatori ma soddisfare allo stesso tempo la richiesta del pubblico. Certo che gli sforzi soprattutto finanziari sono ancora più grossi, bisognerà quindi capire come poterlo realizzare".

Quello del teatro è poi un mondo che comprende molte figure professionali. "E' un mondo lavorativo composto da tecnici, scenografi, costumisti ecc. Ci sono persone che in questo momento hanno dovuto trovarsi una altro lavoro perchè sono mesi che sono fermi".

E la proposta del Ministro delle Attività Culturali Dario Franceschini? "Il discorso di Franceschini di poter trasmettere in streaming spettacoli teatrali a pagamento - ha risposto Franco La Sacra - è un palliativo ma non è la stessa cosa, perchè il teatro è vita, è respirare insieme sul palco, è trasmettere delle emozioni, e questo tramite il web non avviene".

Guarda l'estratto dell'intervista:

Guarda la trasmissione integrale:

Vi invitiamo a mettere mi piace alla pagina Facebook  "2 ciapetti con Federico" dove troverete anticipazioni e commenti: https://www.facebook.com/2ciapetticonFederico 

"2 ciapetti con Federico" ha anche un suo profilo Instagram https://www.instagram.com/2ciapetticonfederico/?hl=it

Federico Marchi


Iscriviti alla chat WhatsApp dedicata alla nostra rubrica di approfondimento settimanale.
Ogni martedì alle ore 21.00 sarà online la rubrica “2 ciapetti con Federico” condotta da Federico Marchi. Per rimanere informati sugli ospiti, sulle tematiche trattate e per intervenire con le vostre domande in diretta, potete iscrivervi al nostro servizio gratuito. Come fare?
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 095 4317
- inviare un messaggio con il testo CIAPETTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP SANREMO sempre al numero 0039 348 095 4317.

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

mercoledì 25 novembre
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium