/ Attualità

Attualità | 28 settembre 2020, 12:43

Sanremo: addio allo sconto Tari per le attività che rinunciano ai videopoker, nessuno ne ha fatto richiesta al Comune

L’agevolazione non ha attratto l’interesse di chi, evidentemente, trae maggiore guadagno dalle video lottery

Sanremo: addio allo sconto Tari per le attività che rinunciano ai videopoker, nessuno ne ha fatto richiesta al Comune

Finisce nel silenzio più totale l’esperienza della proposta anti ludopatia ideata dal Comune di Sanremo per limitare la presenza di videopoker nei locali della Città dei Fiori. L’amministrazione aveva pensato a uno sconto sulla Tari per le attività commerciali che avessero rinunciato all’installazione delle video lottery. Ma, dal 2019, le richieste presentate in Comune sono ferme allo zero.

Ora, per via delle modifiche alle normative dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, l’amministrazione deve rivedere la regolamentazione della Tari e la proposta di scoutistica sarà abrogata. Resta, comunque, il dato che vede il totale disinteresse per una norma che avrebbe potuto smuovere una prima pietra nella lotta al gioco d’azzardo patologico. Vero è che uno sconto del 10% sulla Tari (così era previsto dalla norma nazionale) può non essere un incentivo entusiasmante, ma ci si poteva aspettare anche che qualcuno volesse fare da apripista per una presa di coscienza generale nella lotta a un vizio che si sta sempre di più insinuando in molte famiglie della zona.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium