/ Attualità

Attualità | 03 agosto 2020, 20:28

Renzo Piano dona il suo cantiere più importante alla città: "Ora speriamo questo ponte sia amato" (Video)

Il celebre architetto genovese ha esaltato il forte simbolismo dell'opera, ispirata ad un vascello, e sull'esecuzione assicura: "Un modello replicabile"

Renzo Piano

Renzo Piano

Lo ha definito il cantiere "più importante della sua vita" e il tono di voce, anche rotta dall'emozione del suo intervento davanti all'ordinata e sobria platea sul Ponte San Giorgio non ha lasciato dubbi potesse essere la verità.

Tra i protagonisti della rinascita del viadotto e della sua costruzione, parole esaltata nel suo discorso, c'è sicuramente Renzo Piano, che ha regalato alla città un progetto diventato realtà in poco più di un anno dalla sua consegna con un auspicio: "E' un momento di sospensione, anche il tempo lo ha dimostrato. C'è il cordoglio per quel che è successo, ma c'è anche dell'orgoglio perchè tutti insieme si è riusciti a fare qualcosa. Ora speriamo sia amato questo ponte".

Un'opera apprezzata, non solo per il suo valore simbolico di unione, ricordato anche dal governatore Toti e dal premier Conte, ma anche per la sua praticità, per l'importanza che l'arteria ad alta velocità ricopre nel genovese e in tutta la Liguria.

Una necessità che ha reso indispensabile la nascita di un nuovo modello, insolitamente rapido nei tempi, nel nostro Paese, realizzato grazie alla collaborazione tra le parti in causa e sicuramente replicabile: "C'è stato molto entusiasmo, molta solidarietà. Poi quando si va veloci è meglio, c'è più adrenalina e gli ostacoli si saltano. Non è stato un progetto sregolato, ma secondo regolamenti europei e quindi può essere sicuramente replicato" ha concluso l'architetto genovese.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium