/ Cronaca

Cronaca | 03 dicembre 2019, 07:14

Sanremo: installato la settimana scorsa il passaggio pedonale rialzato in via Martiri, il Comitato locale ne chiede altri

L’Amministrazione comunale, particolarmente sensibile a questo tipo di problemi, ha iniziato da tempo ad installare i passaggi pedonali rialzati che, effettivamente, riescono a ridurre notevolmente le velocità di auto e moto, come provato in vie come corso Inglesi.

Sanremo: installato la settimana scorsa il passaggio pedonale rialzato in via Martiri, il Comitato locale ne chiede altri

Ne è appena stato installato uno ed ora ne viene subito chiesto un secondo. Stiamo parlando dell’attraversamento pedonale rialzato, costruito la settimana scorsa in via Martiri della Libertà, popolosa strada di Sanremo, i cui residenti da tempo chiedevano un dissuasore della velocità, come avvenuto nella parallela via Pietro Agosti ed in molte altre vie della città dei fiori.

L’Amministrazione comunale, particolarmente sensibile a questo tipo di problemi, ha iniziato da tempo ad installare i passaggi pedonali rialzati che, effettivamente, riescono a ridurre notevolmente le velocità di auto e moto, come provato in vie come corso Inglesi. Venerdì scorso è stato ultimato il passaggio a metà di via Martiri ed il locale Comitato nato tra i residenti ne chiede un secondo nella parte alta.

“Notiamo come l'Amministrazione Comunale sia finalmente attenta ed attiva verso i problemi della viabilità – evidenzia il Comitato – e sottolineiamo la necessità di posizionare altri attraversamenti pedonali rialzati, con la funzione di limitatori della velocità, anche nella parte alta della strada, soprattutto nel tratto fra il concessionario Volvo e l'attraversamento della strada pedonale Borgo (al civico 347/349) che tra l'altro non dispone di segnalazione di attraversamento”.

Via Martiri, infatti, soprattutto nel tratto a senso unico viene spesso trattata come una strada di ‘accelerazione’ da moto ed auto, con rischi per chi vi transita. Negli ultimi mesi è stata anche tristemente famosa per il decesso di un anziano a bordo di uno scooter falciato da un’auto che, secondo i testimoni, procedeva ad alta velocità.

“Purtroppo la via, piuttosto rettilinea, è utilizzata, soprattutto da molti motoveicoli come una vera e propria pista – termina il Comitato - con rischi per gli altri utenti della strada e per i pedoni, in una zona con parecchi esercizi commerciali ed anziani e bambini che si trovano a dover attraversare la strada in condizioni di pericolo”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium