/ Politica

Politica | 13 marzo 2012, 21:45

Imperia: manca il numero legale ma non si fa l'appello. Fossati (Fli) "Teoria interessante, vedremo se il Prefetto sarà d'accordo"

Nuove tensioni in consiglio comunale ad Imperia. Questa volta però il porto non c'entra nulla. A scatenare le critiche dell'opposizione è l'interpretazione del segretario comunale sulla verifica del numero legale.

Il consigliere del Fli Giuseppe Fossati

Il consigliere del Fli Giuseppe Fossati

Anche in una serata che si preannunciava serena e tranquilla, dopo gli ultimi avvenimenti del porto che hanno visto anche una breve ma significativa discussione nella seduta di ieri sera, il consiglio comunale di Imperia non manca mai di stupire. In occasione dell'assise di questa sera, infatti, era in programma una serie di ordini del giorno relativamente tecnici come la ricostituzione delle commisisoni consiliari II, III, Speciale Sanità, Speciale Ambiente e Speciale Viabilità, la nomina del collegio dei revisori dei conti del comune per il triennio 2012/2015 e l'approvazione dell'accordo di programma per il trasporto pubblico locale 2009/2011.

Il colpo di scena è avvenuto subito dopo, quando l'aula ha affrontato la modifica dell'articolo 91 "fiere e promozionali" del regolamento del commercio al dettaglio su aree pubbliche. La pratica è stata illustrata dall'assessore al commercio Giovanni Amoretti. Durante il suo intervento, dall'opposizione si sono accorti dell'assenza di alcuni esponenti del Pdl e della Lega. E' così scattata la più classica delle strategie politiche, con l'uscita dei consiglieri della minoranza e la richiesta al segretario di contare i presenti in aula per far cadere il numero legale (che in quel momento effettivamente non c'era). In pratica è stata una risposta al medesimo gesto messo in atto, poche settimane fa, dalla stessa maggioranza per far saltare la discussione di due mozioni dell'opposizione.

A spiazzare tutti è stato però il segretario comunale, il quale ha dichiarato che, in base alla sua esperienza, l'appello non deve essere fatto mentre è in corso un intervento. Conseguentemente non sono stati contati i consiglieri presenti e l'assise è proseguita, restituendo la parola all'assessore Amoretti, anche se in quel momento non c'era il numero legale.

Decisamente critico nei confronti dell'interpretazione del segretario si è mostrato, insieme ai colleghi dell'opposizione, il consigliere del Fli Giuseppe Fossati. "Questa è una teoria interessante - ha detto ironicamente - vedremo se anche il Prefetto sarà d'accordo".

Al termine dell'intervento di Amoretti in aula erano rientrati tutti, sia della maggioranza sia dell'opposizione. Il consiglio comunale si è così concluso con la votazione della pratica.

Federico Marchi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium