/ Cronaca

Cronaca | 19 maggio 2011, 16:57

Nell'imperiese, secondo il report economico della Cgil, dal 2008 ad oggi ci sono 5000 occupati in meno

E' stato presentato, presso la camera di commercio di Impria, il nuovo report economico della Cgil. Un'analisi sui vari comparti produttivi e le ricadute di questi dati sull'occupazione.

Bruno Spagnoletti dell'ufficio economico della Cgil

Bruno Spagnoletti dell'ufficio economico della Cgil

La provincia di Imperia è entrata dopo nella crisi ma ne uscirà anche in ritardo di due o tre anni rispetto ad altre realtà. Un dato che emerge dal report economico presentato dalla Cgil. "Le cause sono fondamentalmente tre - ha detto Bruno Spagnoletti, responsabile dell'ufficio economico della Cgil Liguria - il basso numero di industrie presenti nell'imperiese, l'alto numero di occupati nel settore pubblico, ed i tanti pensionati che vivono in questa parte di regione".

 Il 2010 ha fatto registrare una prima, seppur piccola, ripresa dopo un 2009 drammatico. A stare meglio è il settore dell'edilizia, mentre continuano a soffrire l'agricoltura ed il turismo, dove si registra sempre una difficoltà soprattutto nelle presenze. Il comparto manufatturirero ha una sostanziale tenuta, mentre risentono del calo di consumi e della minore capacità di spesa delle persone il settore dei servizi ed il terziario.

"Tutto questo ricade pesantemente sull'occupazione - ha detto il segretario generale della Cgil di Imperia Enrico Revello - dove registriamo un calo di 5000 occupati dal 2008 ad oggi. Si tratta di dati che noi riscontriamo quotidianamente nella nostra attività sindacale".

Federico Marchi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium