/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 19 aprile 2019, 12:02

Weekend di Pasqua tra Santo Stefano al Mare ed Arma di Taggia, gli albergatori guardano con più interesse al ponte tra il 25 aprile ed il 1° maggio

Prenotazioni all’ultimo minuto, ecco cosa si aspettano gli albergatori tra Santo Stefano al Mare ed Arma di Taggia, con il weekend di Pasqua ormai alle porte. Ne abbiamo parlato con Alessio Contoli e Gianfranco Roggeri.

Prenotazioni all’ultimo minuto, ecco cosa si aspettano gli albergatori tra Santo Stefano al Mare ed Arma di Taggia, con il weekend di Pasqua ormai alle porte. Al momento i numeri sono positivi ma le strutture sono lontane dall’essere piene. Il dato finale arriverà soltanto nelle prossime ore.

“Come sempre la gente sta aspettando di vedere come evolveranno le previsioni meteo. - spiega Alessio Contoli, rappresentante degli albergatori per Confesercenti su Taggia e Valle Argentina - Attendiamo il boom di prenotazioni nelle ultime 24 ore, subito prima del weekend di Pasqua. Aprile è sempre incerto, purtroppo molte volte piove e per questo le persone aspettano. Posso dire che abbiamo una prospettiva positiva che ci fa pensare che questo potrebbe riflettersi anche sul trend dell’estate. Molti dei vacanzieri che scelgono questa porzione di costa adesso, lo fanno per soggiorni brevi, pochi giorni al massimo; per saggiare un po’ quello che ha da offrire il territorio, vedere la città come si presenta e che cosa si può fare. Quest’anno sarà più interessante il 25 aprile, ci aspettiamo il boom di prenotazioni”.

Infatti il grosso degli arrivi è previsto per la prossima settimana, con un lungo ponte tra la Festa della Liberazione ed il 1° maggio. “Al momento non ci sono molte presenze per Pasqua ma per il ponte successivo confido che possa esserci il pienone. - conferma anche Gianfranco Roggeri, rappresentante di Federalberghi per la zona tra Santo Stefano al Mare, Arma di Taggia e Valle Argentina - Siamo fiduciosi perché nel nostro territorio sono partite tante iniziative a favore del turismo ed è sempre più importante incentivare il turismo esperienziale. Non a caso da tempo pubblicizziamo le visite ai frantoi della valle Argentina, recentemente abbiamo preso contatti con una guida di soft bike, lo scorso weekend è stata inaugurata un’attività che propone il noleggio di ebike a Triora. Quest’ultima in particolare la ritengo una novità interessante, una vera e propria risorsa da valorizzare. Come Federalberghi il nostro obiettivo è far capire che chi viene in vacanza sulla costa si trova a poco meno di un’ora dall’alta montagna. Su Santo Stefano al Mare c’è il diving che porta alla scoperta dei nostri ricchissimi fondali ma puoi anche arrivare rapidamente a Triora, a 780 metri sul livello del mare, un borgo carico di cultura e storia e salire ancora fino ad arrivare facilmente in vetta sul monte Saccarello, 2.201 m. d'altezza. Certo c’è anche la pista ciclopedonale ma abbiamo notato come la gente cerchi sempre di più delle esperienze forti che lascino un ricordo vivido e positivo del nostro territorio”. 

Anche gli stabilimenti balneari giocano un ruolo fondamentale quando si parla dell’appeal di una determinata zona. In questo caso, sia da Confesercenti che da Federalberghi è stato espresso un plauso nei confronti degli imprenditori delle spiagge. Già per il weekend di Pasqua la maggior parte degli stabilimenti sarà pronta ad accogliere i vacanzieri. Un dato positivo a beneficio del turismo di tutto il territorio.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium