/ Sanremo Ospedaletti

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanremo Ospedaletti | venerdì 14 settembre 2018, 10:42

Sanremo: declassamento Gastroenterologia e petizione, l'ASL1 pensa alle vie legali e precisa "Iniziative organizzative destinate a mantenere e migliorare l'assistenza sanitaria dei cittadini"

"Obiettivo dell’ASL1 è garantire I servizi che permettono di salvare le vite e di assicurare le cure ai cittadini che accedono alle strutture, ed è quindi inaccettabile che chiunque possa affermare che scelte organizzative possano ripercuotersi sulla possibilità di salvare la vita delle persone procurando allarmi del tutto infondati"

La sede dell'ASL a Bussana di Sanremo

"Sottolineiamo con decisione che tutte le iniziative di carattere organizzativo sono comunque destinate a mantenere e migliorare l’assistenza sanitaria ai propri cittadini".

L'ASL1 ha voluto fare alcune precisazioni in merito alle notizia dell'attivazione di una petizione su scala provinciale per la questione del declassamento del reparto di Gatroenterologia a Sanremo (LINK). "Obiettivo dell’ASL1 è garantire I servizi che permettono di salvare le vite e di assicurare le cure ai cittadini che accedono alle strutture, ed è quindi inaccettabile che chiunque possa affermare che scelte organizzative possano ripercuotersi sulla possibilità di salvare la vita delle persone procurando allarmi del tutto infondati" - spiegano dall'Azienda Sanitaria della provincia imperiese.

"Vogliamo tranquillizzare i nostri cittadini. - spiegano da ASL - Quale esempio ad oggi le strutture di emergenza, I pronto soccorso, e le strutture che curano l’infarto acuto, quale l’emodinamica, sono strutture semplici, e grazie al valore dei professionisti che operano in quelle e in tutte le strutture della ASL1, le vite sono quotidianamente salvate. Ciò avviene oggi e avverrà anche in futuro a prescindere dalla classificazione delle Strutture semplici o complesse. Non permettiamo a nessuno di mettere in dubbio che le strutture, complesse o semplici, e i professionisti di questa Azienda lavorino per il bene principale di tutti noi: la salute, si è proceduto quindi ad attivare l’ufficio legale per valutare eventuali profili di responsabilità in merito al reato di procurato allarme".

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore