/ Politica

Politica | 04 dicembre 2022, 12:42

Rifiuti: 6 milioni alla provincia di Imperia con un bando Pnrr per l’impianto a Colli, Scajola "Scenderà la Tari"

Terza nella graduatoria nazionale tra i 17 progetti finanziati su un centinaio di domande. Il Presidente Scajola: “Grande risultato, che permetterà di moderare le tariffe della Tari”

Claudio Scajola

Claudio Scajola

Il progetto dell’impianto per il trattamento, recupero e valorizzazione dei rifiuti solidi urbani a Colli (Taggia) è tra quelli che hanno vinto l’apposito bando finanziato dai fondi del Pnrr per i nuovi impianti di trattamento dei rifiuti e per l’ammodernamento di quelli esistenti.

Alla Provincia di Imperia, terza nella graduatoria nazionale tra il centinaio di domande presentate (17 sono state quelle ammesse al finanziamento), vanno 6 milioni e 441 mila euro. E’ questo l’importo che potrà essere finanziato dal Ministero per la Transizione ecologica per l’impianto che sorgerà a Taggia. Il contributo abbatterà i costi di costruzione della linea di trattamento della frazione organica e quindi la relativa tariffa per il conferimento.

“Un grande risultato che ci permette di guardare con ottimismo al futuro della tariffa Tari - dice il presidente Claudio Scajola - il contributo ministeriale per il progetto che abbiamo presentato potrà infatti essere utilizzato per abbassare le bollette per quanto riguarda il conferimento della frazione organica”.

La gara d’appalto per l’impianto a Taggia, intanto, sta per essere aggiudicata. L’unica offerta pervenuta, presentata dal soggetto promotore del project financing (il raggruppamento temporaneo di imprese Idroedil srl-WTT B.V.) sta per essere validata dall'apposita commissione nominata dalla Provincia e composta da esperti. L’aggiudicazione provvisoria, per la costruzione e la gestione ventennale dell'impianto dovrebbe quindi essere imminente.

Sarà il primo passo concreto verso la realizzazione di un impianto previsto entro il 2025, che il bando finanziato dal Pnrr ha promosso a pieni voti. Il progetto in questione prevede due linee di trattamento separate: una per la frazione organica, da cui si ricava compost (materiale usato in agricoltura); una per la frazione secca da cui si recuperano carta plastica e vetro e si produce combustibile da rifiuto.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium