ELEZIONI COMUNE DI TAGGIA
 / Cronaca

Cronaca | 14 maggio 2022, 15:00

Bomba day: RSA e strutture protette tra Taggia e Riva Ligure, non saranno tutte evacuate

L'Ospedale di Carità di Taggia si trova al confine della zona rossa, è l'unico ad aver ricevuto l'autorizzazione a non essere evacuato. Discorso diverso invece per Le Palme di Arma di Taggia, La Casa di Marco a Taggia e Le Grange a Riva Ligure. Ecco le diverse soluzioni adottate.

Bomba day: RSA e strutture protette tra Taggia e Riva Ligure, non saranno tutte evacuate

Per il 'bomba day', uno degli aspetti più difficili delle operazioni di evacuazione tra Taggia e Riva Ligure è quello delle RSA. Quattro le strutture coinvolte perché ricadenti completamente o in parte all'interno della zona rossa. Si tratta di circa 200 persone (sulle circa 10mila totali ndr) toccate da quello che accadrà domani con le operazioni di disinnesco dell'ordigno e l'obbligo di evacuare il territorio per un raggio di 1513 metri intorno al camion nel torrente Argentina.  

L'Ospedale di Carità di Taggia che si trova parzialmente in zona rossa è l'unica di queste strutture d'accoglienza che ha ricevuto una dispensa per non essere evacuata. Dopo un vertice tra Prefettura ed Esercito, si è convenuto di non trasferire i 60 ospiti. Nel loro caso, l'unica prescrizione per la sicurezza richiesta è il trasferimento delle persone ai piani bassi della porzione a nord del complesso, oltre a lasciare finestre aperte con tapparelle o persiane chiuse nella restante parte dell'edificio. Durante le operazioni domani, saranno presenti i direttori e il personale medico, a disposizione degli ospiti. 

Discorso diverso invece per le altre RSA di Taggia. Le Palme di Taggia, la più vicina al luogo della bomba, ha portato i suoi ospiti a Sanremo grazie alla collaborazione con  l’Over Senior Residence in via G. Anselmi 3 a Sanremo. La struttura sorta al posto dell'ex tribunale, non solo ha accolto gli ospiti della rsa tabiese ma ha esteso questa possibilità, per la giornata di domani, a tutti gli over 65. Le operazioni di rientro su Arma di Taggia sono previste per lunedì

Invece, la Casa di Marco, una struttura socio riabilitativa che accoglie a Taggia 10 persone con disabilità, ha dovuto fare i conti con il Covid. Per questo, 5 ospiti saranno portate presso il Campo Sportivo di Taggia dove il Comune ha attivato degli spazi dedicati ai positivi, in collaborazione con ASL 1. Gli ospiti rimanenti, invece, saranno accompagnati al Centro Semiresidenziale di Imperia dell'ANFFAS dove rimarranno per tutta la durata delle operazioni di disinnesco dell'ordigno. 

Per quel che riguarda l'unica RSA di Riva Ligure, Le Grange, gli ospiti saranno portati nella vicina Santo Stefano al Mare. Il sindaco Marcello Pallini ha messo a disposizione della struttura d'accoglienza rivese, la ex casa di riposo D’Albertis, per tutto il tempo necessario.

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium