/ Imperia Golfo Dianese

Imperia Golfo Dianese | 17 ottobre 2021, 15:22

A Rezzo il convegno 'Le Vie del sale tra Provenza, Liguria e Piemonte’ nel Castello dei Clavesana

Il sindaco Adorno:“Garantirebbero un turismo sostenibile ed esperienziale e rappresenterebbero finalmente quel filo che legherebbe mare e monti

A Rezzo il convegno 'Le Vie del sale tra Provenza, Liguria e Piemonte’ nel Castello dei Clavesana

 

Si è svolto ieri a Rezzo il convegno ‘Le Vie del Sale tra Provenza, Liguria e Piemonte'. L'evento che si è tenuto nella suggestiva cornice del Castello Clavesana, ha visto l'intervento di ospiti importanti che hanno approfondito il tema non solo da un punto di vista storico per l'importanza che le vie hanno avuto nel tempo, ma anche per la loro possibile rivalutazione turistica.

Attraverso due tesi, quella della professoressa Laurence Navalesi, assessore alle politiche Transfrontaliere del Comune di  Nizza e del giovane neolaureato Rinaldo Adorno, è stata illustrata la cronistoria delle vicissitudini di due importanti vie commerciali, quella Nizza-Limone e quella Oneglia-Ormea. Esse dovevano garantire l'approvvigionamento del sale nel territorio piemontese e, quindi, avevano un ruolo economico e sociale non indifferente ma anche politico e per questo furono oggetto di scontri e contese.

Il professor Andrea Zanini docente di storia economica dell'Università di Genova collegato da remoto, la professoressa Emidia Lantrua esperta del Museo delle carte di Mendatica e lo storico Giampiero Laiolo  hanno sviluppato argomenti e concetti per contestualizzare tale tema. 

L'evento, organizzato dal Comune di Rezzo in collaborazione con la Commissione Cultura e la Pro loco, ha voluto far riscoprire le vie di comunicazioni più importanti del passato ma con l'auspicio di rivalutarle oggi da un punto di vista turistico. 

Il convegno - dice il sindaco di Rezzo Renato Adorno  -  ha visto la partecipazione di illustri autorità di Regione Liguria e Piemonte e dell'area metropolitana di Nizza, di moltissimi sindaci della costa e dell'entroterra, del Parco Alpi Liguri ed è stato un primo momento per gestire quelle sinergie necessarie ad ampliare e diversificare l'offerta turistica della riviera e far conoscere l'entroterra. Le vie de sale garantirebbero un turismo sostenibile ed esperienziale e rappresenterebbero finalmente quel filo che legherebbe mare e monti”.

Presente, tra gli altri, il parlamentare europeo Marco Campomenosi.

 

Diego David

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium