/ Attualità

Attualità | 17 ottobre 2021, 17:43

Triora: oggi a Loreto l'annuale raduno in ricordo dei partigiani e civili caduti nella valle Argentina nel periodo 1943-45 (foto)

La manifestazione, semplice e commovente, è stata accompagnata dalle note delle chitarre del prof. Colombo Panizzi e della sua giovanissima allieva Ancilla Bianch

Triora: oggi a Loreto l'annuale raduno in ricordo dei partigiani e civili caduti nella valle Argentina nel periodo 1943-45 (foto)

Dopo un anno di assenza a causa delle restrizioni covid, nella mattinata di domenica 19 ottobre si è svolto a Loreto, frazione di Triora, il raduno in ricordo dei partigiani e civili caduti nella valle Argentina nel periodo 1943-45 ed in memoria di Vittorio Guglielmo, eroico comandante della seconda divisione Felice Cascione.

"Dopo una santa messa a suffragio celebrata da don Nuccio Garibaldi nell’antico santuario - si spiega nella nota -, è stata deposta e benedetta una corona d’alloro davanti al monumento dedicato al comandante Vitò. Davanti ai rappresentanti dei Comuni della vallata (Taggia, Montalto-Carpasio, Badalucco e Triora), di quello di Sanremo, con il proprio gonfalone, e del consigliere regionale Enrico Ioculano, ha preso la parola l’avvocato Massimo Corradi, presidente della sezione A.N.P.I. di Arma-Taggia-Valle Argentina, organizzatrice dell’evento, porgendo il più cordiale benvenuto ai numerosi presenti di ogni età. L’orazione ufficiale è stata tenuta da Amelia Narciso, presidente provinciale A.N.P.I. L’energica signora ha ricostruito le vicende della lotta partigiana, ricordando le efferatezze dei nazifascisti, culminate in veri e propri eccidi, come quelli di Molini e di Andagna. Ha messo in evidenza le figure più rappresentative di quel periodo di lotta, con significativi esempi, auspicando che mai più debbano verificarsi certi episodi.

La manifestazione, semplice e commovente, è stata accompagnata dalle note delle chitarre del prof. Colombo Panizzi e della sua giovanissima allieva Ancilla Bianchi.

Mentre si degustavano pezzi di sardenaira e focaccia, offerti come da tradizione dal bra Globo di Taggia, ci si è dati appuntamento per il prossimo anno, con la speranza che il covid sia del tutto debellato e si possa propagandare, come merita, l’annuale importante raduno, per far sì che la memoria di quel periodo storico non scompaia definitivamente".

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium