/ Economia

Economia | 13 ottobre 2021, 09:30

Assicurazioni: meglio le dirette o le tradizionali?

Ci sono differenze di convenienza economica tra le assicurazioni tradizionali e le assicurazioni dirette ed è evidente che il cliente cerchi un rapporto qualità/prezzo favorevole: ecco una pratica guida per scegliere al meglio

Assicurazioni: meglio le dirette o le tradizionali?

Il dibattito sulle assicurazioni è sempre aperto poiché molte sono state le variazioni normative che ne hanno agevolato il mercato e l’accessibilità al consumatore finale che è l’automobilista o il motociclista.

Una delle più ampie variazioni ammesse è stata la possibilità di accedere, tramite strumenti informatici, ad assicurazioni online con un contratto sottoscritto “in diretta”, vale a dire con una offerta identificata tramite un sito di comparazione di prezzi o un sito pubblicitario che illustra, secondo legge, le possibilità contrattuali per assicurare il proprio veicolo.

Alcune volte si viene contattati da dei call centers per ricevere informazioni ma nel settore assicurativo, che si parli di assicurazioni online o tradizionali, la pratica è stata diluita con un lavoro pubblicitario tramite gli strumenti del web che garantiscono una migliore presenza nei canali dell’informazione con migliori possibilità di interazione tra il cliente che vuole dettagli sempre più specifici e la compagnia assicuratrice.

Il punto fondamentale, però, prima di iniziare una supposta discussione sulla scelta nel merito o nel metodo tra le due forme di assicurazione è la Legge sulle Assicurazioni Private che è cogente per qualsiasi soggetto che eroghi servizi e contratti assicurativi.
Da lì non si può uscire.

Ci sono, obbiettivamente, differenze di convenienza economica tra le assicurazioni tradizionali e le assicurazioni dirette ed è evidente che il cliente, da anni, cerchi un rapporto qualità/prezzo favorevole, magari un risparmio netto; ricordiamo però che esistono casi di assicurazioni dirette che usano gli strumenti online per stipulare assicurazioni ma che, al contempo, mantengono una rete base di sedi fisiche egualmente contattabili e visitabili tramite appuntamento.

La scelta di Allianz Direct si attesta sulla possibilità di soddisfare i clienti di entrambi i gusti, non lasciando soli quegli utenti che non vogliano usare il computer per cercare un contratto assicurativo e studiarsi un preventivo con dei comparatori online, magari a causa della bassa dimestichezza con gli strumenti informatici.
Per tutti gli altri si accede, in modo semplice e molto chiaro, al sito di assicurazione online di Allianz Direct che apre una serie di possibilità informative e di pagine specifiche per tutte le possibilità e necessità di automobilisti e motociclisti.

La scelta di Allianz Direct di mantenere tutti e due i canali di accesso ai propri servizi assicurativi non è assolutamente da trascurare, come esempio di studio del mercato.
I numeri dicono che il mercato assicurativo online italiano è molto cresciuto negli ultimi anni e se ne prevede una ulteriore crescita.

Ma i dati danno un 32% di presenza del consumatore assicurativo online rispetto al 10% del 2010, quindi un mercato molto bilanciato, allo stato attuale, da considerare in modo diverso da altre nazioni che vivono totalmente il mondo delle assicurazioni online rispetto al mercato tradizionale.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium