/ Cronaca

Cronaca | 08 marzo 2021, 20:06

Coronavirus, Toti: "Misure in provincia di Imperia danno importanti frutti, da domani via alla prenotazione del vaccino per gli insegnanti"

“Siamo certi che il calo dell'indice rt su quel territorio farà abbattere anche la curva dei ricoveri e poi delle terapie intensive”, ha detto Toti

Coronavirus, Toti: "Misure in provincia di Imperia danno importanti frutti, da domani via alla prenotazione del vaccino per gli insegnanti"

Le misure prese in provincia di Imperia hanno dato importanti frutti, oggi vediamo l'indice rt in netto calo”. Lo ha detto il presidente della Regione Giovanni Toti questa sera, nel consueto punto stampa sull'andamento del coronavirus in Liguria.

Oggi nell'imperiese si registrano solo cinque contagi, ma è un dato che risente del fine settimana. Sale invece il numero degli ospedalizzati, tanto che l'ospedale di Sanremo ha dovuto aprire una nuova unità di terapia intensiva. “Siamo certi che il calo dell'indice rt su quel territorio farà abbattere anche la curva dei ricoveri e poi delle terapie intensive”, ha detto Toti.

Il presidente della Regione ha poi ricordato che da domani scatta la possibilità per gli insegnanti di prenotare il vaccino Astrazeneca presso il proprio medico di medicina generale. Potranno vaccinarsi tutti gli insegnanti di tutte le scuole pubbliche e paritarie di ogni ordine e grado. Gli insegnanti che lavorano in Liguria, ma sono residenti in altre regioni saranno messi in contatto con le asl di competenza.

La campagna prosegue, siamo andati oltre l'obiettivo delle 20 mila vaccinazioni settimanali, raggiungendo quota 27 mila”, ha dichiarato Toti.

Passeranno dal medico di famiglia anche i soggetti vulnerabili e ultra vulnerabili. “Abbiamo voluto dare la possibilità di vaccinarsi anche ai genitori degli under 16 vulnerabili e ultra vulnerabili”, ha specificato Toti.

La vaccinazione avverrà in uno degli hub vaccinali, che in provincia di Imperia si trovano nel capoluogo, a Taggia e a Camporosso, mentre le persone appartenenti alla categoria degli ultra vulnerabili saranno vaccinati nei centri gestiti dal servizio sanitario nazionale.

Toti ha annunciato anche la ricerca di soggetti privati per incrementare la catena di vaccinazione. “Abbiamo preso contatti con Confcommercio salute e con altri rappresentanti delle categorie della sanità privata. Vorremmo aggiungere un'ulteriore quota per arrivare ai vertici della campagna di vaccinazione”.

Per quanto riguarda la fase 1, ovvero la vaccinazione al personale sanitario e agli ospiti delle rsa, Toti ha annunciato che è quasi conclusa, mentre per quanto riguarda i ritardi nelle prenotazioni rassicura: “Solo l'1 per cento degli ultraottantenni che hanno prenotato sarà vaccinato a maggio”.

Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium