/ Economia

Economia | 22 gennaio 2020, 11:26

La gravidanza passo dopo passo: come cambia il corpo nei 9 mesi

Una donna in stato di gravidanza subisce una serie di cambiamenti continui settimana dopo settimana

La gravidanza passo dopo passo: come cambia il corpo nei 9 mesi

Una donna in stato di gravidanza subisce una serie di cambiamenti continui settimana dopo settimana. In alcuni casi si tratta di cambiamenti innocui di cui molto semplicemente si prende atto, in altri casi di sintomi fastidiosi con cui talvolta si fatica a convivere. Non bisogna pensare che la sintomatologia sia un crescere anche in termini di “disturbo” nel corso del passare del tempo perché non è così. C’è chi dice che i mesi peggiori sono i primi, chi invece dice che sono gli ultimi, chi non ha problemi particolari durante tutto il corso della gravidanza e per chi invece è una cosa pressoché invalidante.

Gravidanza mese dopo mese

Ogni donna è diversa, ogni corpo è differente e ogni bimbo ha una storia a sé. È per questo che non si può tanto fare una lista di sintomi precisi settimana dopo settimana quando abbozzare una serie di probabili manifestazioni, più o meno fastidiose e dolorose, che si presume compaiano in un determinato periodo.

Conoscere queste informazioni è per tante donne un vantaggio e motivo di conforto perché anche nel “dolore” è possibile così non sentirsi sole e sapere che è tutto nella norma. In questo senso la tecnologia ha fornito uno strumento speciale di cui le mamme moderne possono approfittare (e tante lo fanno): si tratta di internet. Qui siti web specifici possono accompagnare la mamma durante tutto il periodo della gravidanza, settimana dopo settimana, mese dopo mese. Imamma è uno dei portali più noti nonché una delle app più diffuse sulla gravidanza, fornendo informazioni utili sui sintomi che potrebbero comparire e consentono di sapere mano a mano come si sviluppa il piccolo nella pancia della mamma.

Come cambia il corpo e cosa accade nei 9 mesi di gravidanza

40 settimane per tre trimestri avventurosi e pieni di sorprese per arrivare ad uno dei momenti più belli della vita di una donna (sì il dolore poi si dimentica, tranquille): la nascita del proprio pargoletto.

Primo trimestre

Nel primo trimestre fisicamente è possibile che non si notino grandi differenze e non sempre la donna si accorge subito di essere incinta, almeno fino a che non nota un ritardo nell’arrivo del ciclo (che poi non arriva ovviamente). In alcuni casi però già si fanno sentire le prime nausee e/o un certo ingrossamento del seno (si sviluppano i dotti galattofori). L’entità delle nausee varia da soggetto a soggetto: c’è chi avverte un po’ di fastidio nelle prime ore del mattino e chi non riesce a fare 5 minuti di auto che deve rimettere.

Anche l’umore cambia a causa delle variazioni ormonali e non di rado si ha la sensazione di svegliarsi già stanche di prima mattina. Qualcuno fa anche fatica a dormire, ha problemi ai denti e alle gengive per via di piccole infiammazioni o nota secrezioni vaginali abbondanti.

Secondo trimestre

Dalla settimana 13 +2 giorni comincia il quarto mese e il secondo trimestre di gravidanza. La fase più faticosa per tante è terminata e finalmente si sono scongiurate le settimane in cui i rischi per il feto sono maggiori. Passata la nausea, passata la stanchezza (anche troppo visto che qualcuna inizia a soffrire d’insonnia) la donna inizia a prendere peso e qualche pantalone inizia a non chiudersi più tanto bene. È il momento giusto per prendersi cura della pelle che può essere soggetta a cellulite e smagliature.

il quinto mese arrivano anche l’allarme emorroidi e acidità di stomaco, quindi attenzione a prevenire con l’alimentazione, e qualche crampetto all’addome (contrazioni uterine) che si prepara per far spazio al piccolo. Finalmente si può anche iniziare a sentirlo muovere. L’aumentata circolazione del sangue può dare maggiore sudorazione. Qualche donna perde qualche goccia di colostro dai seni che si preparano all’allattamento.

Terzo trimestre: verso la fine

Con la 26esima settimana + 3 giorni scatta il terzo e ultimo trimestre di gravidanza. La pancia si vede, eccome, è dura e con la pelle tesa. Il bimbo si fa sentire e talvolta fa correre mamma in bagno premendo sulla sua vescica. Un po’ di agitazione e ansia sono del tutto normali e si è sempre più stanche perché si fatica a dormire. Qualche contrazione all’addome e i dolori alla schiena fanno sembrare tutto il doppio più faticoso, ma non temete perché vi coccoleranno tutti moltissimo.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium