/ Cronaca

Cronaca | 30 novembre 2019, 12:23

Sanremo: i sensori segnalano l'acuirsi del movimento franoso, chiusa da ieri via Duca D'Aosta (Foto)

Da sempre quella è una zona che è a rischio frana ed è da tempo oggetto di interventi per la messa in sicurezza e, nei mesi scorsi il Comune aveva deciso di installare dei sensori che potessero segnalare eventuali movimenti del terreno, in modo da garantire la massima sicurezza a chi vive e chi transita nella zona.

Sanremo: i sensori segnalano l'acuirsi del movimento franoso, chiusa da ieri via Duca D'Aosta (Foto)

E’ chiusa da ieri sera a Sanremo via Duca d’Aosta, la strada che unisce la statale Aurelia nella zona de ‘La Vesca’ con la frazione di Poggio, ad Est della città dei fiori.

Il provvedimento è stato preso ieri dal Dirigente del Comune Danilo Burastero, instaurando anche un senso unico alternato regolato da semaforo, sull’Aurelia all’altezza del residence ‘Montecarlo’. La decisione è stata presa per i movimenti del terreno, evidenziati dai sensori sistemati alcuni mesi fa.

Da sempre quella è una zona che è a rischio frana ed è da tempo oggetto di interventi per la messa in sicurezza e, nei mesi scorsi il Comune aveva deciso di installare dei sensori che potessero segnalare eventuali movimenti del terreno, in modo da garantire la massima sicurezza a chi vive e chi transita nella zona.

Alcuni mesi fa è stato fatto un lavoro sul muro di sostegno del primo tratto di via Duca d’Aosta ma, purtroppo, il movimento franoso di quella zona è cronico da sempre, tanto che si racconta del crollo di un convento che si trovava nella zona a fine ‘800.

La segnalazione dei sensori ha preoccupato ieri gli uffici, che hanno avvertito il Dirigente, che ha così deciso la disposizione, anche in funzione delle previsioni del tempo per domani che segnalano possibili piogge ulteriori. Il Sindaco Alberto Biancheri, tra l’altro, proprio giovedì scorso ha parlato con il Presidente della Regione del problema di via Duca d’Aosta.

Una questione già esposta negli anni scorsi e sulla quale il Sindaco è tornato, approfittando dell’incontro con Toti. Per sistemare il movimento franoso della zona servirebbero ben 9 milioni di euro e, proprio per questo, per prevenire il dissesto idrogeologico tra la collina ed il mare, il Sindaco ha nuovamente chiesto aiuto alla Regione, in termini di Protezione Civile.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium