/ INFERMIERE E SALUTE

Che tempo fa

Cerca nel web

INFERMIERE E SALUTE | 24 febbraio 2019, 08:00

L’abuso degli antibiotici nei bambini: cosa sapere per un atteggiamento corretto

Quando portiamo il bambino dal medico per queste malattie, ci aspettiamo automaticamente una prescrizione per gli antibiotici?

L’abuso degli antibiotici nei bambini: cosa sapere per un atteggiamento corretto

Premetto che, come ho già detto varie volte, solo un medico dopo aver valutato il caso può fare una diagnosi e prescrivere farmaci : non bisogna improvvisare, non ci si deve affidare a nessun altro,non cercare su Internet o in TV, non bisogna ricorrere all’auto medicazione. Soprattutto nei bambini

Ogni anno, in famiglia   affrontiamo  raffreddori, mal di gola e virus.

Quando portiamo il bambino dal medico per queste malattie, ci aspettiamo automaticamente una prescrizione per gli antibiotici?

 

Molti genitori lo fanno e sono sorpresi, forse persino arrabbiati, se lasciano lo studio del medico a mani vuote.

 

Come funzionano gli antibiotici

 

Gli antibiotici, usati per la prima volta negli anni '40, sono certamente uno dei grandi progressi della medicina. Ma la loro eccessiva prescrizione ha portato allo sviluppo di batteri resistenti,  che non rispondono agli antibiotici che potrebbero aver funzionato in passato. Inoltre, l’antibiotico, essendo un farmaco,  non è privo di effetti collaterali, per cui l’uso deve essere strettamente necessario e sotto rigorosa prescrizione medica.

 

Per capire come funzionano gli antibiotici, bisogna conoscere i due principali tipi di germi che possono far ammalare le persone: batteri e virus. Sebbene alcuni batteri e virus causino malattie con sintomi simili, i modi in cui questi due organismi si moltiplicano e diffondono la malattia sono diversi:

 

I batteri  sono   organismi viventi esistenti come cellule singole. I batteri sono ovunque, ma la maggior parte  di essi  non causa alcun danno  e in alcuni casi possono essere utili. Il lattobacillo, ad esempio, vive nell'intestino e aiuta a digerire il cibo. Ma alcuni batteri sono dannosi e possono causare malattie invadendo il corpo umano, moltiplicandosi e interferendo con i normali processi corporei. Gli antibiotici sono efficaci contro i batteri perché lavorano per uccidere questi organismi viventi bloccandone la crescita e la riproduzione.

I virus , d'altra parte,   sono particelle contenenti materiale genetico avvolto in un rivestimento proteico. I virus "vivono", crescono e si riproducono solo dopo che hanno invaso altre cellule viventi. Alcuni virus possono essere combattuti dal sistema immunitario del corpo prima che possano causare malattie, ma altri (i raffreddori, per esempio) devono semplicemente seguire il loro corso. I virus non rispondono agli antibiotici.

Perché è dannoso abusare di antibiotici

L'assunzione di antibiotici per il raffreddore e altre malattie virali non solo non funzionerà, ma ha anche un pericoloso effetto collaterale: nel tempo questa pratica aiuta a creare batteri che sono diventati più difficili da uccidere. (**cliccate qui per sapere cosa dice L' Istituto Superiore di Sanità**)

 

L'uso frequente e inappropriato di antibiotici può indurre batteri o altri microbi a resistere agli effetti del trattamento antibiotico. Questo è chiamato resistenza batterica o resistenza agli antibiotici. Trattare questi batteri resistenti richiede dosi più elevate di farmaci o antibiotici più forti e molto costosi. A causa dell'uso eccessivo di antibiotici, alcuni batteri sono diventati resistenti ad alcuni degli antibiotici più potenti oggi disponibili.

 

La resistenza agli antibiotici è un problema diffuso  tanto che il  Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie di Atlanta (>CDC<) definisce "uno dei problemi di salute pubblica più pressanti al mondo." I batteri che una volta erano altamente reattivi agli antibiotici sono diventati sempre più resistenti.

 

Assuemere gli antibiotici in modo sicuro

Quindi cosa dovremmo fare quando nostro figlio si ammala? Per ridurre al minimo il rischio di resistenza batterica, tener presente questi suggerimenti:

 

Chiedere consiglio e fare domande: Anche per una malattia lieve, far visita dal Pediatra per avere chiarimenti su eventuale terapia.  

Se al tuo bambino vengono prescritti antibiotici, assicurati di:

 

Utilizzare gli antibiotici come prescritto.

Non conservare gli antibiotici :La prossima volta potrebbe essere necessario un antibiotico diverso

Non usare mai la prescrizione di un'altra persona.

Chiedete al vostro medico sui modi per trattare i sintomi , come un naso chiuso o una gola irritata, senza l'uso di antibiotici. La chiave per costruire un buon rapporto con il tuo medico è la comunicazione aperta, quindi lavorate insieme verso quell'obiettivo.

 

Utilizzare il farmaco correttamente. Gli antibiotici sono efficaci solo contro un'infezione batterica se assunti per l'intero periodo di tempo prescritto dal medico . Allo stesso modo, non lasciare che il bambino prenda antibiotici più a lungo di quanto prescritto.

 

Non prendere gli antibiotici che sono stati prescritti per un altro membro della famiglia o un adulto, sia perchè le dosi per i bambini variano, sia perché non è detto che sia l’antibiotico giusto!!

 

Aiuta a combattere la resistenza agli antibiotici adottando semplici misure per prevenire la diffusione di infezioni. Incoraggiate il  lavaggio delle mani , assicuratevi che i vostri bambini siano aggiornati sulle  vaccinazioni e tenete i bambini lontani dalla scuola quando sono malati.

 

L’antibiotico è una grande risorsa, ma l’abuso provoca delle resistenze batteriche senza precedenti, rendendo difficili le cure. La cultura del corretto uso è fondamentale per un futuro (ed un presente) consapevole e sicuro.

 

Per approfondire:

 

Istituto Superiore di Sanità

 

Organizzazione Mondiale della Sanità

 

Ministero della Salute

 

Quotidiano Sanità

 

                                                                                  Roberto Pioppo

 

Scrivete a: 

salute@sanremonews.it

 

 

Disclaimer:

Tutti gli articoli redatti dal sottoscritto, si avvalgono dei maggiori siti e documenti basati sulle evidenze, ove necessario sarà menzionata la fonte della notizia: essi NON sostituiscono la catena sanitaria di controllo e diagnosi di tutte le figure preposte, come ad esempio i medici. Solo un medico può effettuare la diagnosi ed approntare un piano di cura.

Le fonti possono non essere aggiornate e allo stato dell’arte possono esservi cure, diagnosi e percorsi migliorati rispetto all’articolo.

Immagini, loghi o contenuti sono proprietarie di chi li ha creati, chi è ritratto nelle foto ha dato il suo consenso implicito alla pubblicazione.

Le persone intervistate, parlano a titolo personale, per cui assumono la completa responsabilità dell’enunciato, e dei contenuti.

Il sottoscritto e Sanremonews in questo caso non ne rispondono.

 

Compito dell’infermiere è la somministrazione della cura, il controllo dei sintomi e la cultura all’ Educazione Sanitaria.

 

                                                                                                          Roberto Pioppo

 

 

Roberto Pioppo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium