/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Da vivere senza spese energetiche. In area vista mare, ben collegata con Roma e Civitavecchia, tutti i servizi...

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | giovedì 03 agosto 2017, 18:37

Vito e Giorgione grandi mattatori a Savona al Festival Parole Ubikate in mare

Ieri sera, in una piazza Sisto IV gremitissima a Savona, gli istrionici Giorgio Barchiesi (meglio noto come Giorgione) e Stefano Bicocchi (in arte Vito), sotto l’attenta e misurata conduzione di Claudio Porchia, hanno intrattenuto il pubblico presentando i rispettivi nuovi libri “Orto e Cucina 2” e “Vito con i suoi”.

Giorgione precisa di non essere certo uno chef propriamente detto, mentre Vito addirittura ha raccontato di quella volta che fu definito “dilettante competente”, un’etichetta nella quale si rispecchia in pieno.

Ma ovviamente, con questi due “non-chef”, l’argomento principe di questo appuntamento inserito nella rassegna “Parole Ubikate in mare” della libreria Ubik di Savona, è stato la cucina: Giorgione ha raccontato di quando ha scoperto come sono fatti i veri brownies di Buckingham Palace e delle sue origini che spaziano da Trani alla Val Pusteria, fino a quando, da bambino, gli fu curata una grave polmonite ricoprendolo di crauti caldi; Vito ha disquisito su quanto deve essere alta la lasagna al forno e di quella volta che in piena notte ha bevuto d’un fiato del succo di chinotto puro credendo che fosse già la bevanda a base di chinotto pronta, con risultati esilaranti.

Si è parlato, ovviamente, di tipicità del savonese, dalla farinata bianca che si trova soltanto a Savona agli amaretti che si preparano nelle storiche pasticcerie poco lontane dal centro. E, in tema di prodotti tipici, lo chef di Quiliano Giorgio Brignone ha presentato sul palco le sue specialità a base di albicocca di Valleggia, tra cui un particolarissimo pesto per condire gnocchi e trofie, fatto con albicocche, aglio, mandorle e gorgonzola.

Per concludere, ai due specialissimi ospiti sono stati regalati da coltivare i bulbi delle particolarissime “cipolle egiziane” che in realtà, come ha spiegato il conduttore Claudio Porchia, non hanno nulla a che vedere con l’Egitto (nonostante il nome) ma, al contrario, sono un altro eccellente prodotto dei nostri territori.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore