/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 23 gennaio 2017, 11:39

Riva Ligure: cagnolino 'eroe' abbaia e sveglia tutti in via Allavena, accelerando l'intervento per l'incendio (Foto)

Se non fosse stato per Yong, infatti, nel pieno della notte e con le fiamme che salivano pericolosamente, l’incendio poteva provocare danni molto più ingenti alla palazzina e, forse, anche problemi decisamente più seri ai suoi residenti. Yong ha invece abbaiato talmente tanto che ha svegliato tutti.

Riva Ligure: cagnolino 'eroe' abbaia e sveglia tutti in via Allavena, accelerando l'intervento per l'incendio (Foto)

Ha abbaiato come un forsennato, fino a quando non è riuscito a svegliare i suoi proprietari ed anche i vicini che, alla vista delle fiamme hanno subito chiamato i Vigili del Fuoco ed i Carabinieri.

E’ il cagnolino nella foto, si chiama Yong ed è l’eroe di questa notte in via Allavena a Riva Ligure. Il cagnolino, seppur di ridotte dimensioni sa farsi sentire e stanotte ha iniziato ad abbaiare non appena ha visto le fiamme salire dalle due auto, una Fiat Panda ed una Kia Rio, che stavano bruciando in strada, proprio sotto l’abitazione dove vive con i proprietari.

Se non fosse stato per Yong, infatti, nel pieno della notte e con le fiamme che salivano pericolosamente, l’incendio poteva provocare danni molto più ingenti alla palazzina e, forse, anche problemi decisamente più seri ai suoi residenti. Yong ha invece abbaiato talmente tanto che ha svegliato tutti. E, fortunatamente, i danni sono stati limitari.

Nel frattempo i Carabinieri di Santo Stefano al Mare, con il supporto dei colleghi della Compagnia di Sanremo, stanno svolgendo le indagini del caso per risalire alle cause del rogo. Non viene esclusa nessuna ipotesi, anche se quella del dolo rimane quella più plausibile. Le auto sono di un pensionato e di un piccolo imprenditore che non hanno mai avuto problemi con la giustizia. I militari stanno anche visionando le telecamere presenti vicino alla zona dell’incendio per verificare se ci sono o meno dei passaggi ‘strani’ di fronte all’occhio elettronico.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore