/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 19 gennaio 2017, 12:24

Sanremo: anche il CdQ ‘La Pigna – La storia siamo noi’ sul piede di guerra per lo spostamento della fontanella di piazza Santa Brigida

Lettera aperta al Sindaco: “Chiediamo che venga rimessa dove era prima”

Sanremo: anche il CdQ ‘La Pigna – La storia siamo noi’ sul piede di guerra per lo spostamento della fontanella di piazza Santa Brigida

Dopo le parole del noto artista sanremese Freddy Colt, non si placano le polemiche per lo spostamento della fontanella di piazza Santa Brigida.
L’Amministrazione ha ultimato di recente l’intervento per il restyling della piazza e, tra i tanti interventi, c’è stato anche lo spostamento della fontanella, una volta al centro. Ora si trova in un angolo, vicino al corrimano.
Una sistemazione che, a quanto pare, non sta piacendo ai residenti della ‘Pigna’ che ora chiedono a gran voce una risistemazione della fontana.

Dopo le parole di Freddy Colt ecco l’intervento del comitato di quartiere “La Pigna – La storia siamo noi” che invia una lettera aperta al Sindaco Alberto Biancheri e all’Amministrazione per chiedere un intervento riparatore.

Ecco il testo della lettera:

Sono stati terminati i lavori per la riqualificazione di via Del Popolo, ora denominata piazzetta di Santa Brigida, e di una parte di via Umana, un investimento di circa 72 mila euro, ingente  esborso di denaro pubblico, per sistemare una zona caratteristica di grande valore storico per la ‘Pigna’, ma sopratutto affettivo per i sanremaschi e per gli estimatori del nostro centro storico, i quali , con grande dispiacere, gridano allo scandalo perché la fontanella storica, che faceva bella mostra di sé come  parte integrante della piazzetta per la sua collocazione parallela alla Chiesa,  è stata spostata, indietreggiata e messa a ridosso del muro laterale. 

Considerando che la ‘Pigna’ è sottoposta a vincoli ambientali paesaggistici e a disciplina paesistica di livello puntuale con decreto ministeriale per l'interesse storico e culturale, non si capisce come sia stato possibile agli addetti ai lavori spostarla, stravolgendo la fisionomia del luogo, in sfregio alla Legge “Bellezze dell'insieme” e senza tener conto dei vincoli e delle leggi vigenti, per questi motivi chiediamo il ripristino dello stato dei luoghi come in origine.
Per quanto riguarda gli  altri  interventi futuri sulla “parte più ampia” della piazzetta, dove si pronostica  di attuare una specie di anfiteatro, auspichiamo che non vengano sprecati altri soldi pubblici per opere inutili, ricordando che il quartiere è già dotato di quello di San Costanzo e non necessita di certo di un altro anfiteatro. 

Sarebbe sperabile fossero investiti questi denari per la riqualifica igienico sanitaria di via Palmari ed altri vicoli limitrofi, che da molti anni necessitano di tali opere di primaria importanza, per le quali i responsabili degli uffici preposti del Comune hanno sempre risposto alle istanze dei residenti interessati che non si possono attuare, perché privi di risorse economiche.

Riteniamo sia doveroso dare la priorità a queste opere di risanamento igienico sanitario dei vicoli, indispensabili per i residenti del quartiere e non a quelle  voluttuarie di scarso interesse e che non avrebbero ricadute di nessun beneficio per il nostro rione.
Questa lettera aperta è rivolta all'amministrazione Comunale e al Sindaco Biancheri, che riteniamo persona sensibile alle esigenze dei quartieri degradati della città che amministra, confidando che la tengano in debita  considerazione e attuino i dovuti provvedimenti in merito nel più breve tempo possibile, per non indurre il comitato scrivente a rivolgersi sempre alle Autorità Provinciali e Regionali competenti e, come ultima ratio, la Procura, come per il caso delle Rivolte San Sebastiano, solo per citarne uno a  caso.

Rimanendo in attesa di una risposte esplicita ed esplicativa, porgiamo cordiali saluti. 

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium