/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Porto Maurizio Borgo Marina Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 19 agosto 2016, 10:19

Sarà dimesso nelle prossime ore l'ex Sindaco ed ex Presidente della Provincia di Imperia Luigi Sappa. Il suo racconto a Sanremo News: "Mi ha urtato qualcuno o qualcosa"

Dopo avere effettuato le analisi e due Tac, i medici escludono un problema cardiaco, tanto che l'ex Presidente della Provincia ritiene di non aver avuto alcun malore, ma di essere stato urtato da quella che definisce "una massa nera, una mucca, o, molto più probabilmente un'auto"

Sta decisamente meglio, l'ex Presidente della Provincia ed ex Sindaco di Imperia Luigi Sappa, rimasto vittima di un incidente mentre si trovava a bordo della propria bici. 

Sappa sarà dimesso nelle prossime ore e ci tiene a ringraziare tutti coloro che gli hanno manifestato vicinanza e affetto in questi giorni. "Vorrei anche ringraziare i medici e gli infermieri che mi hanno avuto in cura, i Carabinieri di Sanremo, gli operatori del 118, gli elicotteristi e il gruppo di ciclisti che mi ha trovato e ha allertato i soccorsi".

Dopo avere effettuato le analisi e due Tac, i medici escludono un problema cardiaco, tanto che l'ex Presidente della Provincia ritiene di non aver avuto alcun malore, ma di essere stato urtato da quella che definisce "una massa nera, una mucca, o, molto più probabilmente un'auto".

"Ricordo di essere partito alle 7 di mattina. Ho fatto Poggio-Ceriana-Bajardo. Da lì sono salito a monte Bignone, da dove ho iniziato la discesa. Stavo bene, faceva caldo, ma non ero particolarmente sudato, e poi ho la visione diretta fino a un certo punto, di un rettilineo con un tornante a sinistra. Dopodiché mi si ferma la percezione diretta e mi vedo come se fossi uno spettatore esterno. Vedo un ciclista che esce dal tornante, a neanche venti all'ora. Probabilmente, lo stesso tornante era impegnato da un mezzo che andava in salita e quindi, è probabile, visto che ho anche un grosso ematoma alla mano sinistra, che abbia toccato lo specchieto retrovisore dell'auto che saliva, forse un Suv, ma poteva anche essere una mucca. Diciamo un ostacolo. Ricordo una massa nera, grossa, quindi è più probabile che fosse un'auto, che mi ha sbilanciato e sono andato a confluire ai lati di questa strada, nel terriccio, e avrò fatto cinque o sei metri raccogliendo rami e rovi".

Non c'è traccia di chi guidava il mezzo che l'ha urtata?

"Non lo so. Io so solo di essermi fermato, o davanti a un albero o a una roccia dove ho picchiato la testa con il caschetto, e poi non ho ricordi, a parte il rumore forte di un mezzo, che mi hanno detto essere l'elicottero. Mi hanno trovato seduto dei ciclisti che erano dietro, e uno si è fermato perché pensavano che stessi tirando il fiato, ma poi ha visto il sangue. Il paramedico del 118 che è venuto ieri a salutarmi, mi ha detto che mi hanno trovato dopo il tornante, quindi l'ipotesi è un po' da capire, perché un conto è un mio default fisico, un conto è invece un ostacolo. Una dinamica da accertare".

Come sta adesso?

"Molto meglio. Sono ancora in ospedale a Imperia, ma oggi o domani dovrei essere dimesso. Ho qualche ematoma, alcune escoriazioni, e la frattura della clavicola, un classico per un ciclista, ma nel complesso sto bene".

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore