/ Cronaca

Cronaca | 11 aprile 2012, 08:39

Stranezze meteorologiche sulla nostra penisola: fitta nevicata sul Piemonte e piste nuovamente imbiancate

Notte di pioggia sul ponente ligure e neve sulle alture con le montagne attorno a Triora imbiancate. E' tornata la neve sulle piste da sci ma è improbabile una riapertura degli impianti. Nevica a tratti anche sulle autostrade A6 Savona-Torino ed A26 Genova-Gravellona.

Nelle foto l'attuale situazione ad Artesina e Limone Piemonte

Nelle foto l'attuale situazione ad Artesina e Limone Piemonte

Le stranezze meteorologiche di questo inverno a cavallo tra il 2011 ed il 2012, tra l'altro quest'ultimo anno 'bisesto' e che vive nel mito della previsione Maya sulla fine del Mondo, proseguono con la perturbazione che sta colpendo il Nord-Ovest della penisola. Da ieri sera sta piovendo incessantemente su tutta la nostra provincia anche se, per fortuna, non si registrano danni particolari.

Ma, come era stato previsto, la neve ha colpito e sta colpendo le cime più alte della nostra provincia e tutto il basso Piemonte. Dopo una Pasqua da dimenticare, con temperature elevatissime già da marzo e la neve sciolta in pochi giorni (con gli impianti di risalita costretti a chiudere anzi tempo), da stanotte uno spesso manto nevoso ha nuovamente coperto tutte le stazioni sciistiche, da Limone Piemonte ad Artesina, Prato Nevoso e Frabosa Soprana. Neve anche a Monesi ed in tutta l'alta Valle Argentina con le montagne attorno a Triora tutte imbiancate. Neve o nevischio anche sulle autostrade che portano al Nord, in particolare la A6 e la A26.

Neve anche in pianura nel cuneese con tutti i grossi centri della provincia 'Granda' che sono stati colpiti dalla precipitazione, un po' a sorpresa, con ovvi disagi per gli spostamenti anche dalla nostra Regione. Per chi si reca in Piemonte attraverso la Statale 20, infatti, sono consigliabili le catene a bordo o pneumatici da neve, un fatto anomalo per l'11 aprile. Da non dimenticare che, negli ultimi anni, la neve ha coperto le montagne fino ai primi giorni di maggio, tanto che gli impianti sciistici hanno chiuso proprio a fine aprile o, in alcuni casi il 1° maggio, ma le precipitazioni furono registrate molto prima.

Quest'anno, invece, dopo una prima spruzzata di neve ad ottobre e le alluvioni di novembre, le precipitazioni nevose si sono fatte attendere, tanto da regalare un Natale non molto 'bianco' sulle montagne. Le nevicate sono poi arrivate a febbraio, anche se un po' tardi ed il manto si è poi dissolto a marzo con temperature sopra la media. Ora, invece, le temperature sono al di sotto della media stagionale, con una primavera decisamente 'pazzerella'. Per le prossime ore è previsto un deciso miglioramento con schiarite in estensione alla giornata di domani. Ma attenzione: da venerdì nuovo peggioramento con precipitazioni che dovrebbero colpire il Nord-Ovest anche sabato e domenica. Per il Piemonte pioggia mista a neve fino a sabato mattina, poi solo pioggia.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium