/ Politica

Politica | 20 gennaio 2011, 09:01

Revoca della concessione al porto di Imperia: Fossati "Riunione di maggioranza e non siamo stati avvisati!"

Il capogruppo di 'Futuro e Libertà' attacca il Sindaco.

Revoca della concessione al porto di Imperia: Fossati "Riunione di maggioranza e non siamo stati avvisati!"

“Ieri in serata ho appreso da Sanremo News che l’Ing.Pierre Marie Lunghi avrebbe emesso provvedimento comportante la decadenza della concessione demaniale della Porto di Imperia. Qualche ora dopo ho ricevuto la telefonata di cortesia del vice Sindaco, Luca Lanteri, il quale mi ha confermato la circostanza, dando la propria cortese disponibilità a fornire tutte le informazioni del caso”.

Lo ha detto Giuseppe Fossati, capogruppo di 'Futuro e Libertà' ad Imperia, intervenendo sulla situazione del porto turistico imperiese, per il quale sarebbe pronta la revoca della concessione. “La situazione è seria - prosegue - e, nelle prossime ore sarà cura del Gruppo di Futuro e Libertà acquisire gli elementi per esprimere il proprio ragionato e ponderato punto di vista in merito. Allo stato, è doverosa unicamente una precisazione: gli organi di stampa riportano la notizia di una riunione di maggioranza nella serata di ieri, unitamente ai legali del Comune, suppongo per valutare la situazione ed elaborare una risposta politica. Il Gruppo di Futuro e Libertà ne prende atto, come prende atto di non essere stato convocato a tale riunione, né di essere stato informato della situazione che, con tutta evidenza, non è maturata nelle ultime ore ma è nell’aria da settimane”.

“Evidentemente - termina Fossati - il Sindaco Strescino non considera FLI parte della maggioranza che sostiene la sua amministrazione e/o non ha ritenuto coinvolgere nelle conseguenti e relative valutazioni politiche, quanto meno a titolo personale, i consiglieri del relativo Gruppo, Fossati e Gramondo che, lo ricordo, hanno sempre sostenuto la pratica del Porto, sia nella precedente amministrazione, sia in quella attuale. Per chi lo avesse scordato, ricordo che il sottoscritto è la stessa persona che, qualche mese fa ha sostenuto e contribuito ad elaborare la delibera di indirizzo sul Porto, che è stata votata anche dal Consigliere Gramondo, al tempo capogruppo dell’UDC. Ne prendiamo atto e ne trarremo le doverose conseguenze”.

D.D.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium