/ Politica

Politica | 28 maggio 2024, 16:07

Elezioni Europee, l'appello dei mille per Marco Reguzzoni a difesa del Nord. Tra i firmatari Leoni, Pagliarini, Bonomi e Bastoni

Un documento sottoscritto da tanti soggetti con esperienza parlamentare a sostegno del candidato indipendente nelle liste di Forza Italia: ecco perché lo scelgono

Elezioni Europee, l'appello dei mille per Marco Reguzzoni a difesa del Nord. Tra i firmatari Leoni, Pagliarini, Bonomi e Bastoni

Da Giuseppe Leoni, storico fondatore e primo deputato della Lega, a Giancarlo Pagliarini, già ministro al Bilancio. Da Adriano Teso, imprenditore milanese che Berlusconi scelse come sottosegretario al Lavoro nel suo primo governo, a Giuseppe Bonomi, manager d’eccellenza che ha ricoperto ruoli di vertice in Sea, Anas, Arexpo. Con loro altri mille fra amministratori locali, professionisti, dirigenti, imprenditori, lavoratori e pensionati di ogni categoria, i quali hanno sottoscritto l’appello a votare Marco Reguzzoni da indipendente nelle liste di Forza Italia per le Europee. Un’adesione distribuita sulle quattro regioni del collegio Nord Ovest (Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta) per costituire una sorta di sindacato del Nord nel parlamento europeo.

«Io voto per il Nord, difendendo a spada tratta i lavoratori, gli imprenditori e i pensionati, mettendo la produzione, l’agricoltura e il turismo al centro dell’azione, senza limitarsi a un’opposizione urlata e improduttiva», si legge nel documento sottoscritto da tanti soggetti con esperienza parlamentare (fra cui la mantovana Irene Aderenti, il ligure Giacomo Chiappori e Marco Desiderati di Lesmo) così come numerosi sindaci o figure con lunga militanza politica (come Sergio Ferrero ad Aosta).

Ad organizzare la raccolta firme è stato Max Bastoni, in rappresentanza della componente Forza Nord all’interno di Forza Italia: «L’adesione a questo appello - dice - rappresenta una testimonianza di tutto un universo che cerca risposte a istanze che vogliamo riportare in primo piano. Puntavamo a raggiungere i cento aderenti prima di diffondere questa iniziativa, ma siamo già arrivati a mille».

«Il Nord ha bisogno delle infrastrutture necessarie ad economia e turismo, non il ponte sullo Stretto - incalzano i firmatari - Il Nord preferisce le Partite Iva all’assistenzialismo, chi lavora al reddito di cittadinanza. Il Nord vuole un vero federalismo che metta al centro i Comuni e con una visione europea, nella consapevolezza che l’UE va migliorata ma i grandi temi – lotta alla concorrenza sleale, immigrazione, ambientalismo – non possono essere affrontati dai singoli Stati nazionali».

Da qui la scelta di Reguzzoni, «perché non ha mai tradito il Nord e si è impegnato a lavorare per ricreare le basi di una nuova unione di tutti noi che riteniamo necessario agire come sindacato del Nord».

Informazione politico-elettorale

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium