/ Politica

Politica | 21 aprile 2021, 11:50

Nuovo sindacato per i lavoratori frontalieri: è stato fondato a gennaio, il pensiero di Roberto Parodi del Fai

”So che dietro c'è una parte politica ma se questo, comunque, potrà darci una mano siano i benvenuti. L'importante è che non serva solamente a tirare una campagna elettorale”.

Nuovo sindacato per i lavoratori frontalieri: è stato fondato a gennaio, il pensiero di Roberto Parodi del Fai

Si affaccia un nuovo sindacato per i lavoratori frontalieri, una associazione creata a gennaio che, secondo i rumors sarebbe appoggiata da un partito politico.

Al momento l’unico sindacato dei frontalieri, a parte i gruppi social o altro, è quello che fa capo ai Frontalieri Autonomi Intemeli, il cui segretario è Roberto Parodi, che accoglie senza problemi la nuova associazione, pur mettendo subito in chiaro il suo pensiero: ”So che dietro c'è una parte politica ma se questo, comunque, potrà darci una mano siano i benvenuti. L'importante è che non serva solamente a tirare una campagna elettorale”.

Il Fai è invece totalmente apolitico: “Noi rappresentiamo diverse idee politiche degli associati, dalla destra alla sinistra – prosegue Parodi – e ci chiamiamo ‘autonomi’ proprio per questo noi cerchiamo solo ed esclusivamente di fare gli interessi dei lavoratori, indipendentemente dal partito che può rappresentare o che solo può sostenere. Rimane sempre il fatto che qualunque associazione o sindacato è il benvenuto, ma che faccia solo il bene dei lavoratori e null’altro”.

Il Fai esiste da 20 anni ed è l’unico ad essere riconosciuto dal Governo del Principato di Monaco. Conta ben 2.500 iscritti sui circa 7.500 lavoratori frontalieri ed è l’unico presente sul territorio a eccezione delle confederazioni sindacali che fanno capo a quelle nazionali. Tra il 2020 e quest’anno, tra l’altro, il Fai ha avuto una forte impennata di iscritti ed è un vero e proprio punto di riferimento per chi, dalle zone frontaliere si spostano in Francia e Montecarlo per andare a lavorare.

Anche per il Fai è stato un anno particolarmente difficile, un po’ come per tutti: “Abbiamo sempre lavorato su diversi fronti – termina Parodi - Covid, problemi delle code in frontiera, licenziamenti, lo ‘chomage’ (la cassa integrazione), vaccini, trasporti, targhe estere ed altro. Se qualcuno arriva veramente a darci una mano sia il benvenuto se invece si tramuta in una perenne campagna elettorale fatta di annunci sapremo reagire”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium