/ Economia

Economia | 23 settembre 2020, 07:11

Dalla Francia si entra solo per lavoro o necessità, preoccupazione tra gli operatori dei mercati: “Senza aiuti sarà difficile”

Parla Fabrizio Sorgi, rappresentante della categoria: “Chiediamo almeno che ci sgravino dalla Tosap che sta arrivando come se nulla fosse”. Intanto l’Onorevole Flavio Di Muro (Lega) ha confermato di essere al lavoro per approfondire l'ordinanza del Ministro Speranza e la sua applicazione

Il mercato di Ventimiglia

Il mercato di Ventimiglia

Cresce la preoccupazione per le nuove misure adottate al confine in merito alla seconda ondata di Coronavirus che sta interessando la Francia (leggi la notizia cliccando QUI). Si entra in Italia solo per lavoro o per reali necessità, circostanza che potrebbe rappresentare un danno notevole per il tessuto economico dell’estremo Ponente.

La categoria che più di ogni altra patirà l’assenza dei clienti francesi è quella degli operatori dei mercati. A Sanremo, Bordighera, Ventimiglia e anche in tante altre realtà di zona i francesi sono linfa per gli ambulanti e la loro mancanza sarà un’ulteriore difficoltà in un 2020 già a dir poco complicato.

È un’indicazione di prudenza, come prima faceva la Francia nei nostri confronti, adesso siamo noi in ‘vantaggio’ nella gestione dell’emergenza - dichiara ai nostri microfoni Fabrizio Sorgi, rappresentante locale della categoria - certo non è una buona notizia per noi commercianti che viviamo di turismo francese, c’è il rischio che l’ondata sia ora da loro e poi da noi che già abbiamo avuto una lezione pesantissima. La sanità viene prima”.

Gli operatori chiedono anche che ci sia un maggiore aiuto da parte delle amministrazioni. “Mi auguro che chi ci governa, dai Comuni alla Regione allo Stato, ci ‘prenda in braccio’ come è stato fatto con coloro che sono in smart working o che possono guardare i figli se non vanno a scuola - commenta Sorgi - gli aiuti alle partite Iva sono fermi ai 600 euro, se non ci danno qualcosa sarà una tragedia finanziaria. Chiediamo almeno che ci sgravino le tasse della Tosap, ci sono arrivate le bollette come se nulla fosse. Ci sta bene che si allarghino gli spazi ai ristoranti, ma chiediamo anche che si allunghino i tempi dei pagamenti o fare anche un anno ‘in bianco’ facendoli saltare”.

Intanto l’Onorevole Flavio Di Muro (Lega) ha confermato di essere al lavoro per approfondire l'ordinanza del Ministro Speranza e la sua applicazione: “Certamente deve essere garantita la sicurezza  e la salute pubblica ma ciò non deve ledere il diritto alla mobilità transfrontaliera né distruggere l'economia delle zone di confine. Seguirò la questione con massima attenzione e, se sarà il caso, prenderò la parola in Parlamento”.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium