/ Attualità

Attualità | 10 settembre 2020, 17:49

Ventimiglia: oggi la prima ricognizione con la tecnologia georadar nell’area vicina al teatro romano

Nella zona si trovano le due cabine Enel destinate alla demolizione e sarà oggetto di indagini archeologiche e verrà risistemato per favorire l’accesso all’area archeologica

Ventimiglia: oggi la prima ricognizione con la tecnologia georadar nell’area vicina al teatro romano

Oggi si sono svolte le prime indagini georadar nell’area in cui si trovano le cabine ex-Enel a fianco del teatro romano di Ventimiglia. La zona è destinata ad un importante intervento di risistemazione, reso possibile grazie all’attento utilizzo dei fondi Ales, erogati alla Provincia di Imperia per il restauro e la valorizzazione del teatro romano.

Gli edifici, ormai fatiscenti e con problemi statici, saranno demoliti in accordo con l’Agenzia del Demanio. L’area è interamente vincolata con dichiarazione di particolare interesse da parte della Soprintendenza e potrà così, in un prossimo futuro, essere indagata attraverso scavi archeologici e successivamente risistemata per migliorare l’accesso al teatro romano. Si tratta di un’area centrale della città antica, prossima al decumano massimo e ad importanti edifici pubblici, che secondo le ipotesi degli archeologi potrebbe corrispondere al foro o a edifici di culto.

L’indagine odierna consentirà di avere una prima mappatura del sottosuolo, individuando eventuali strutture sepolte sotto il terreno. L’intervento, eseguito dal prof. Adriano Ribolini, responsabile del laboratorio Georadar del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa, utilizza questa tecnica non invasiva per l’indagine degli strati del primo sottosuolo e sarà applicata anche all’area archeologica ubicata nella zona a nord della ferrovia e gestita direttamente dalla neonata Soprintendenza per le province di Imperia e Savona, dove è attualmente in corso una campagna di scavo in concessione a cura dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri.

L’intervento rientra nell’ambito di una convenzione tra la Direzione regionale Musei Liguria e il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa, valida per tutti i siti archeologici gestiti dalla Direzione regionale Musei e già sperimentata in passato nella Zona archeologica di Luni.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium