/ Economia

Economia | 03 marzo 2020, 16:08

Vertice a Sanremo tra Federalberghi e l’assessore regionale Berrino, oggi l'incontro a Roma: “Chiediamo al Governo aiuti per il settore e incentivare il turismo di italiani in Italia”

Berrino: “Tutto il territorio nazionale legato alla filiera del turismo sia considerato 'zona rossa'”

La riunione della Commissione Turismo a Roma

La riunione della Commissione Turismo a Roma

Non si placa la comprensibile preoccupazione del settore alberghiero nei giorni ai allerta per la diffusione del Coronavirus in Italia e nel mondo. Ieri all’hotel Belsoggiorno di Sanremo si è svolto l’incontro tra i rappresentanti e gli associati di Federalberghi con l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino. Sul tavolo, oltre alle molte problematiche, anche le proposte che gli albergatori chiedono siano portate al Governo.

Abbiamo fornito all’assessore Berrino tutti i dati degli associati e non solo, da Santo Stefano al Mare fino al confine - dichiara ai nostri microfoni Silvio Di Michele per Federalberghi Sanremo - quando parliamo dell’80-90% di disdette non c’è molto altro da aggiungere. Abbiamo bisogno di salvaguardare le aziende e i posti di lavoro, oltre alle famiglie. Serve una Cassa Integrazione in deroga e poi servono aiuti economici per gli alberghi, tutti i rinvii che sono stati proposti con la prima tranche di provvedimenti. Se il contributo viene spostato da marzo ad aprile e l’albergo non incassa la situazione si fa difficile”.

Dagli albergatori locali arriva anche una proposta che ora verrà presentata anche al mondo della politica, sempre per voce dei rappresentanti locali. Spiega Di Michele: “Vorremmo incentivare gli italiani a fare le vacanze in Italia. Siamo in un periodo nel quale l’italiano non è ben visto all’estero, quindi incentiviamoli a fare le ferie in Italia. I vantaggi sarebbero molti. Potrebbe essere un modo anche per stanare del ‘nero’, perché chi vuole avere un beneficio dal Governo deve dimostrare le proprie entrate e avere i conti in regola. Così come per far avere un bonus al cliente si devono certificare tutti i pagamenti”.

Ho ascoltato le giuste lamentele e preoccupazioni e le ho registrate tutte, oggi si è svolta la riunione della Commissione Turismo alla quale erano presenti anche le associazioni di categoria nazionali - ha dichiarato ai nostri microfoni l'assessore regionale al Turismo Gianni Berrino dopo l'incontro di Roma - oltre ad aver portato le preoccupazioni di Regione Liguria esponendo i dati negativi, ho insistito affinché si porti all'attenzione del Governo le richieste della parte politica che coincidono con quelle delle associazioni. Tutto il territorio nazionale legato alla filiera del turismo sia considerato 'zona rossa', non è possibile che lo siano solo le Regioni nel decreto, anche in Liguria abbiamo danni diretti. Se il settore è in crisi è in crisi tutto, l'Italia si deve vendere unita sul piano turistico. Chiediamo che il decreto venga emanato in favore di tutte le Regioni. Chiediamo inoltre l'istituzione della Cassa Integrazione in deroga per il settore turistico oltre all'aumento del termine temporale di disoccupazione oltre i 4 mesi previsti oggi, lo spostamento dei termini per il pagamento delle imposte dei mutui oltre il 30 aprile. Questi sono i punti principali in attesa di ripartire con una grande campagna di promozione per l'Italia, quando l'emergenza sarà passata”.

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium