/ Attualità

Attualità | 02 agosto 2019, 08:39

Secondo trimestre verso la stabilità per l'artigianato ligure: segnali positivi in provincia di Imperia

Tra aprile e giugno saldo leggermente negativo (-0,16%) per la filiera delle microimprese liguri, tiene il manifatturiero (-0,02%) e calano le costruzioni (-0,3%). Tra le province, dati positivi alla Spezia e Imperia, il calo più pesante a Genova (-0,7%).

Secondo trimestre verso la stabilità per l'artigianato ligure: segnali positivi in provincia di Imperia

Secondo trimestre vicino alla stabilità per l'artigianato ligure, dopo un finale di 2018 piuttosto negativo (-1%). Secondo gli ultimi dati Infocamere-Movimprese, su un totale di 43.194 microimprese artigiane ligure attive, nel secondo trimestre si contano 905 aperture e 974 chiusure, per un saldo finale leggermente negativo dello 0,16%. In Italia la filiera artigiana incrementa le proprie unità dello 0,2%: 24.591 aperture e 22.044 chiusure, su un totale di quasi 1 milione e 291 mila microimprese attive. 

In Liguria manifatturiero e costruzioni, i due principali settori di attività artigiana, segnano rispettivamente un lieve calo dello 0,02% e dello 0,3%: il manifatturiero conta 7.024 microimprese all'attivo (132 aperture e 134 chiusure), mentre l'edilizia chiude il trimestre con 20.766 realtà attive (444 aperture e 506 chiusure). In Italia i due settori segnano rispettivamente un calo dello 0,08% e una leggera crescita dello 0,3%. 

"Numeri che, complessivamente, indicano un rallentamento dell'emorragia di imprese soprattutto nel settore manifatturiero e che, a livello provinciale, mettono in evidenza il maggior calo delle imprese genovesi – sostiene Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Restano comunque dati da commentare con prudenza, confidando che vengano confermati anche nei prossimi trimestri e ci aspettiamo, per risalire la china, che sia ridotta a livello nazionale la tassazione e che sia dato ossigeno al settore attraverso la riapertura autunnale dei bandi regionali". 

Entrando nel dettaglio segnali positivi a Imperia. L'artigianato provinciale cresce di 55 unità nel trimestre (155 nuove realtà e 100 chiusure), per un trend in progresso dello 0,8% su un totale di 7.086 microimprese attive. Crescono edilizia e manifatturiero, rispettivamente dello 0,6% e dello 0,7%. Nel primo caso, sulle 3.772 microimprese totali, si contano 75 nuove attività e 52 chiusure nel trimestre. Le attività manifatturiere si attestano sulle 1.014 unità produttive totali, con 22 aperture e 15 chiusure nel corso dei tre mesi.

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium