/ Politica

Politica | 05 novembre 2012, 17:38

Sanremo: Mario Robaldo (PD) replica al Sindaco Zoccarato, "E' il PDL ad essere morto"

"Se si ritiene una persona seria, risolva i problemi di Sanremo come più volte promesso, a vuoto, altrimenti, altrettanto seriamente, prenda coscienza che non ne è in grado..." - ha dichiarato Robaldo.

Sanremo: Mario Robaldo (PD) replica al Sindaco Zoccarato, "E' il PDL ad essere morto"

"Rispondo a Zoccarato, perchè ritengo che abbia ragione, effettivamente il PD, a livello locale e, aggiungerei, a livello nazionale, è morto. L'unica cosa che ha dimenticato è la “elle” finale nella sigla del partito. Quelle che il Sindaco chiama provocazioni, secondo me sono veri e propri boomerang". Lo ha detto Mario Robaldo coordinatore cittadino del Partito Democratico di Sanremo, che ha voluto rispondere così alle dichiarazioni fatte nei giorni scorsi dal primo cittadino.

"Per il resto, direi che il riconoscimento che gli ha dato il comitato Renzi - quale? - ed il Presidente Burlando - quando?- deriva probabilmente dal fatto che non lo conoscono a fondo. Noi, - precisa Robaldo - che abbiamo a che fare con lui da qualche anno, non possiamo che ribadire quanto detto: il suo appoggio nuocerebbe fortemente al partito ed in particolare proprio al suo collega Sindaco di Firenze che nel PD milita, in quanto la meritocrazia che si cerca di riportare in politica, da parte del PD nazionale, non si può dire che faccia parte del curriculum del nostro Sindaco".

"Per quanto mi riguarda, mi scivolano proprio addosso le accuse di attaccamento alla poltrona, visto che è assolutamente non retribuita ed ho iniziato a fare politica dopo di lui, invece, il riferimento a Scajola come unico salvatore della patria locale, fa sorridere, soprattutto in relazione al discorso degli 'scogli', si vuol riferire forse a quelli dei vari porti provinciali? Ritengo non sia più il caso di perdere tempo con questioni che non interessano più alla gente; se si ritiene una persona seria, risolva i problemi di Sanremo come più volte promesso, a vuoto, altrimenti, altrettanto seriamente, prenda coscienza che non ne è in grado...".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium