/ Cronaca

Cronaca | 20 aprile 2022, 15:38

Sanremo: una antenna 5G da 15 metri in via Bonmoschetto, i residenti insorgono e fondano un Comitato

“Ci auguriamo che l'Amministrazione Comunale ritorni sui propri passi ed annulli il provvedimento autorizzativo, che è già stato oggetto di impugnazione, davanti al Tribunale di Imperia ed i cui esiti non sono stati ancora disposti”.

Sanremo: una antenna 5G da 15 metri in via Bonmoschetto, i residenti insorgono e fondano un Comitato

Una nuova antenna per il 5G, concessa dal Comune alla nota società Iliad, scatena le lamentele dei residenti via Bonmoschetto, piccola strada di collegamento tra l’Aurelia e via Padre Semeria, alla periferia Ovest di Sanremo.

L’antenna 5G, di nuova generazione e sperimentazione, secondo quanto evidenziato dal Comitato, sarà alta ben 15 metri e i residenti dell'area interessata hanno appreso solo casualmente dell'autorizzazione rilasciata dal Comune, attivandosi subito per costituire un comitato spontaneo, che già il primo giorno contava 200 iscritti.

Molte e legittime le loro preoccupazioni, visto che lamentano l'evidente impatto ambientale e paesaggistico, in un'area da sempre caratterizzata da molto verde, nonché i rischi rilevanti per la loro salute, soprattutto se già soggetti ad alcune patologie, quali le aritmie cardiache, molto frequenti oggigiorno, a partire dalla media età.

“E' altissima la probabilità – scrivono dal Comitato - che i pace-makers utilizzati per trattare le suddette aritmie possano entrare in conflitto con le radiofrequenze emesse da stazioni radio base del 5G, causando effetti indesiderati sulla funzionalità cardiaca. Non meno importanti e nefasti potrebbero essere comunque gli effetti in danno dei residenti della via Bonmoschetto, anche se non affetti da particolari patologie, i quali permanendo all'interno delle loro abitazioni per un periodo superiore alle quattro ore (secondo gli standard di pericolo previsti da una normativa europea) sarebbero soggetti a notevoli rischi causati dalla propagazione delle onde elettromagnetiche, rilasciate dai dispositivi a tecnologia 5G”.

Sempre secondo il Comitato, oltre al notevole impatto che l’antenna avrebbe sull'ecosistema, che in quell'area del territorio matuziano (nota per la varietà e per la ricchezza di flora e fauna locale) andrebbe a ricadere in tutta la sua pregnanza e gravità sull'intero comprensorio a Ponente dell'intera città, l'integrale e delicato equilibrio, che sino ad oggi ha retto brillantemente, andrebbe a pregiudicarsi irrimediabilmente, con ineludibile disvalore dell'intera zona.

“Ci auguriamo che l'Amministrazione Comunale – termina il Comitato - ritorni sui propri passi ed annulli il provvedimento autorizzativo, che è già stato oggetto di impugnazione, davanti al Tribunale di Imperia ed i cui esiti non sono stati ancora disposti”.

I residenti della zona ritengono infatti, che compito principale dell’Amministrazione sia quello di tutelare la comunità che vive all'interno del proprio territorio, privilegiando nelle scelte autorizzative, quella che è comunque la volontà della comunità, specie se espressa nel modo così coeso come nel caso di via Buonmoschetto.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium