/ Attualità

Attualità | 18 novembre 2021, 20:52

Sanremo: nessun accordo tra Cda del Casinò e Uil, il sindacato potrebbe decidere di tornare in sciopero

Nonostante le 'aperture' da entrambe le parti rimane il nodo dei tavoli americani 'francesizzati'. Domani i sindacati rivedono i capigruppo ma la fumata grigia di stasera, potrebbe diventare nera.

Sanremo: nessun accordo tra Cda del Casinò e Uil, il sindacato potrebbe decidere di tornare in sciopero

“Non è stata una riunione positiva, nonostante i nostri passi indietro e la volontà emersa anche nella riunione di questa mattina con i capigruppo”. Sono le parole di Enzo Cioffi, segretario aziendale della Uil al Casinò di Sanremo, al termine dell’incontro fissato per oggi con il Cda.

“Il management – prosegue - nonostante alcune aperture, rimane sui propri intendimenti di non aprire la roulette francese dal lunedì al giovedì nel pomeriggio, puntando su quelli americani con il nuovo sistema ‘francesizzato’, per dare la possibilità ai clienti con gli ‘annunci’ del gioco”.

Al momento il sindacato non ha ancora deciso di ritornare in sciopero ma la scelta potrebbe essere presa domani, dopo il nuovo incontro con i capigruppo e poi con la base dei lavoratori aderenti al Sindacato. Chiaramente potrebbe essere una decisione che si ripercuoterebbe anche sugli altri sindacati che, di fatto, sono già in sciopero a eccezione dell’Ugl.

“Noi speravamo di trovare un punto d’incontro – ha proseguito Cioffi – ma, purtroppo, non lo abbiamo raggiunto. E questo nonostante la nostra proposta di lavorare con gli stessi uomini previsti per la sperimentazione da loro proposta, che consentirebbe anche l’apertura della roulette francese. Secondo il Cda questa opzione non sarebbe propedeutica all’offerta del Casinò”.

Ora cosa accadrà? “Ovviamente faremo un passaggio di idee al nostro interno e non è da escludere la possibilità di tornare allo sciopero. Noi, comunque, teniamo al fatto che la roulette ‘francesizzata’ possa avere una ricaduta sulle mance ma è un gioco diverso da quello classico. Dal management ci è stato confermato la volontà di fare un test fino a marzo e la possibilità di tornare indietro se non ci fossero i risultati sperati”.

Il Cda ha anche prospettato una serie di corsi per il nuovo gioco delle roulette americane ‘francesizzate’, che potrebbe compensare i mancati incassi delle mance, che i sindacati indicano da diverse settimane: “Sono comunque fiducioso – ha terminato Cioffi – anche se speravo obiettivamente di trovare una soluzione”.

L’Ugl, che era presente all’incontro di questa sera, ha confermato che continuerà sulla sua linea di non scioperare.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium