/ Economia

Economia | 02 ottobre 2020, 18:15

Frontalieri: la C.G.I.L. incontra l’Ambasciatore italiano nel Principato di Monaco

“Gli è stata consegnata una nostra ricerca e analisi su dati statistici, pubblicati dall’Istituto di Statistica monegasco, riguardante i temi economici ed occupazionali”

Frontalieri: la C.G.I.L. incontra l’Ambasciatore italiano nel Principato di Monaco

Nei giorni scorsi, il segretario confederale della FILT - C.G.I.L. di Imperia Michele Deli Carri e il responsabile dello Sportello Frontalieri della C.G.I.L. Ventimiglia Domenico Casile, hanno incontrato, nella sede diplomatica del Principato il nuovo Ambasciatore, Dott. Giulio Alaimo.

Si legge nella nota di FILT - C.G.I.L.: “Questo secondo incontro (il primo avvenuto il 21/07 con il predecessore Dott. Cristiano Gallo) cordiale e molto costruttivo, ha trovato il nostro interlocutore molto disponibile, attento ed interessato alle dinamiche dei nostri frontalieri, che prestano la loro opera nel Principato. Gli è stata consegnata una nostra ricerca e analisi su dati statistici, pubblicati dall’Istituto di Statistica monegasco, riguardante i temi economici ed occupazionali, che coinvolgono anche i circa 4.500 lavoratori frontalieri, provenienti da tutto comprensorio Intemelio. Si è discusso sulla particolarità del momento dovuta ai problemi sanitari provocati dalla pandemia, che ha colpito i più importanti settori economici e produttivi anche del Principato, con gravi ripercussioni su tutta la filiera occupazionale, con un impatto negativo anche sui nostri lavoratori frontalieri. Abbiamo ribadito e fatto notare al Diplomatico, che la cassa integrazione speciale messa in atto dal Governo Monegasco (che molto probabilmente sarà prorogata sino al dicembre 2020), ha cercato di mitigare economicamente e socialmente, questo improvviso ed inaspettato disagio economico ed inoltre, ragionando sull’eventuale scadenza di questi ammortizzatori sociali, messi in atto dal governo monegasco, abbiamo posto alcuni quesiti: cosa succederà quando questi ammortizzatori economici / sociali finiranno? Le nostre istituzioni locali e nazionali, sono consapevoli di questa grave situazione? Quali potranno essere le misure, che le Istituzioni metteranno in atto per far fronte a questa grave débâcle occupazionale della nostra provincia?”.

Altra nota dolente che abbiamo portato a conoscenza ed affrontato con l’Ambasciatore, sono i trasporti ferroviari verso i luoghi di lavoro sia nel Principato che in Costa Azzurra, alcune notizie attribuite alla società delle ferrovie francesi, la SCNF e per competenza alla regione PACA (Provence-Alpes-Côte d'Azur), sulla soppressione di diversi treni locali (soprattutto nelle ore serali) tra Ventimiglia e Cannes, questo eventuale disservizio potrebbe creare ulteriori disagi, per moltissimi lavoratori frontalieri del nostro territorio, che sarebbero costretti ad utilizzare mezzi privati, con gravissimi e ulteriori aggravi e costi sui loro bilanci familiari. Il Dott. Alaimo, oltre a ritenere doveroso un suo impegno su quanto da noi esposto, ritiene indispensabile avere incontri periodici con il nostro sindacato, per monitorare e discutere di volta in volta, le varie problematiche dei nostri frontalieri, in un periodo di transizione così incerto ed instabile sia socialmente che economicamente. Il Dott. Alaimo, ha voluto da subito programmare il nostro prossimo incontro, da svolgersi entro i primi giorni del prossimo dicembre” conclude il comunicato di FILT - C.G.I.L.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium