/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | venerdì 16 novembre 2018, 16:15

La Banca di Caraglio mette a disposizione 5 milioni di euro per privati ed imprese della Liguria che hanno subito danni da maltempo

finanziamenti sono a condizioni agevolate, con periodo di preammortamento di 1 anno a tasso zero, e arrivano a coprire fino all’80% del danno subito per un importo massimo concedibile di 50mila euro.

A seguito dei gravi eventi atmosferici che hanno flagellato la Liguria nelle ultime settimane, la Banca di Caraglio ha deciso di mettere a disposizione un plafond di 5 milioni di euro destinato sia a soggetti privati sia alle piccole e medie aziende ubicate nei territori di competenza della Banca che hanno subito danni alle abitazioni o a immobili, attrezzature e colture. I finanziamenti sono a condizioni agevolate, con periodo di preammortamento di 1 anno a tasso zero, e arrivano a coprire fino all’80% del danno subito per un importo massimo concedibile di 50mila euro.

L’iniziativa è valida fino al 30 giugno 2019. Per avere ulteriori informazioni e per conoscere le modalità di adesione contattare le filiali della Banca di Caraglio presenti sul territorio ligure o visitare il sito www.bancadicaraglio.it. “Non potevamo restare indifferenti all’eccezionale ondata di eventi calamitosi che ha colpito il territorio ligure nelle settimane di ottobre e di novembre, provocando danni ingenti all’economia locale" – spiega Livio Tomatis, presidente della Banca di Caraglio.

"Il Consiglio di amministrazione della Banca ha così dimostrato tutta la sua sensibilità mettendo a disposizione dei suoi Soci, clienti e coloro che intendessero diventarlo una somma destinata a finanziare privati e piccole e medie imprese, con particolare riguardo agli operatori del settore turistico, ai commercianti, agli artigiani e agli agricoltori, ridando così la possibilità di “ripartire” a chi, in qualche misura, è stato vittima del maltempo” - chiosa Tomatis.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore