/ Cronaca

Cronaca | 28 luglio 2022, 17:50

Sanremo: riparato il guasto alla condotta del Roya sul porto vecchio, domani si ritorna alla normalità (Foto)

I lavori erano stati stimati in tre giorni e invece si sono risolti rapidamente. In serata l'asfaltatura e domani riapre il dehors

Sanremo: riparato il guasto alla condotta del Roya sul porto vecchio, domani si ritorna alla normalità (Foto)

Dovrebbe terminare questa sera, o al più tardi domani mattina, il lavoro di sistemazione della condotta primaria del Roya iniziato questa mattina (QUI) intorno alle 5 in corso Nazario Sauro, sul dehors del bar Max.

Un lavoro particolarmente importante, che va a risolvere una grossa perdita d’acqua che, oltre a finire nel terreno, costituiva il grosso rivolo che finiva in mare sulla banchina dei pescatori da circa tre mesi. La decisione di intervenire è stata presa da Rivieracqua che ha lavorato insieme all’impresa Marino, visto che il guasto poteva allargarsi e creare danni ben superiori, visto che si tratta della condotta che porta acqua anche all’ospedale ‘Borea’.

I lavori erano stati stimati in tre giorni e c’era anche il timore di dover fermare la fornitura dell’acqua all’utenza della zona e anche all’ospedale. Ma, grazie alla velocità dell’intervento e alla saldatura eseguita sulla tubazione senza interrompere il servizio, nessuno si è praticamente accorto di nulla, ad eccezione dell’acqua torbida arrivata per alcuni minuti dai rubinetti.

In queste ore, terminata la riparazione all’importante condotta, viene nuovamente riempito il buco eseguito oggi e, se tutto andrà bene, già questa sera il tratto sarà riassaltato. Soddisfazione è stata espressa dal titolare del locale, che è comunque riuscito a tenere aperto, sfruttando come dehors la zona antistante la vicina edicola: “Pur con qualche disagio voglio elogiare chi ha lavorato – ci ha detto – perché effettivamente tre giorni di stop sarebbero stati tanti. E’ stata una giornata intensa ma devo fare i complimenti agli operai per la rapidità e la professionalità messe in campo. Ora mi auguro di poter tornare domani alla normalità”.

La perdita era presente da tempo ma era venuta alla luce dopo un nostro articolo (QUI) che aveva evidenziato la fuoriuscita del prezioso liquido dalla banchina dei pescatori, oltre un mese fa. Ora ci si augura che la soluzione sia stata trovata, anche se ovviamente la vetustà della condotta (risalente agli anni ’80) non fa dormire sonni tranquilli.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium