ELEZIONI COMUNE DI TAGGIA
 / Sanità

Sanità | 31 marzo 2022, 07:11

Antonietta Pistocco (Cisl) sull’ospedale di Bordighera: “Si metta la parola fine sull’affidamento ai privati, fattore tempo importante” (videointervista)

La neosegretaria chiede anche che al Saint Charles venga conservato il Pronto soccorso, “come ci è stato promesso”

Antonietta Pistocco (Cisl) sull’ospedale di Bordighera: “Si metta la parola fine sull’affidamento ai privati, fattore tempo importante” (videointervista)

Antonietta Pistocco, neosegretaria della Cisl provinciale ospite della nostra redazione di via Schiva a Imperia per il ‘Caffè Forte’ di stamattina, affronta lo spinoso problema della Sanità in provincia,  a cominciare dalla problematica dell’ospedale di Bordighera.

 

Bisogna che finalmente -dice la Pistocco - venga messa una parola conclusiva sull'iter dell'affidamento alla gestione ai privati, perché non si può stare nel limbo troppo tempo. Chi subentra deve avere l'opportunità di avere il tempo e la possibilità di gestire l’ingresso in tempo utile, perché il fattore tempo è importante. Occorre che ci sia un Pronto Soccorso come ci è stato promesso nell' ospedale di Bordighera, è importante”. 

 “Indubbiamente -prosegue Antonietta Pistocco - questi due anni di pandemia hanno reso ancora più evidente che i tagli che ci sono stati negli ultimi 20 anni in settori importantissimi, come, appunto la Sanità, la Scuola e Trasporti hanno veramente messo a nudo tutte le criticità nel nostro territorio. Abbiamo bisogno di una Sanità attenta efficiente, di una rete di assistenza domiciliare e territoriale importante, ci sono carenze drammatiche come quelle delle professionalità mediche una per tutte gli oculisti, ma anche i pediatri.  È notizia recente è che il nostro i nostri reparti pediatria sarà dal Gaslini di Genova, per cui non avremo più i nostri pediatri 24 ore al giorno sul territorio”.

Sull’Ospedale unico o nuovo, come la pensa?  “Allora io e la Cisl lo abbiamo sempre chiamato ‘nuovo ospedale’ perché prima di tutto bisogna fare un nuovo grande ospedale che sia efficiente che sia tecnologicamente avanzato che sia connesso con i centri di ricerca e che dia delle prospettive di futuro e sia attrattivo anche per gli specializzandi per i giovani medici"

Noi da tempo come organizzazioni sindacali, stiamo chiedendo di  trovare delle forme di incentivazione per far fermare i medici perché si vincono il concorso. Bisogna, però, anche rafforzare i presidi ospedalieri e che ci sono in questo momento, Imperia Sanremo e Bordighera”.  

Diego David, regia di Mirko D'Alessandro

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium