/ Attualità

Attualità | 30 settembre 2020, 17:12

Ventimiglia: non solo mascherine, il Sindaco prolunga l'ordinanza sull'apertura dei pubblici esercizi

Il dettaglio e la differenziazione delle zone.

Ventimiglia: non solo mascherine, il Sindaco prolunga l'ordinanza sull'apertura dei pubblici esercizi

Oltre all’ordinanza sulle mascherine sempre indossate nei luoghi pubblici, il Sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino ha prorogato fino al 30 novembre anche quella relativa agli orari di apertura degli esercizi commerciali.

Per quanto riguarda quelli di somministrazione di alimenti e bevande comprese quelle alcoliche possono restare aperti per tutti, con un minimo di 5 ore giornaliere di apertura al pubblico, entro i seguenti limiti orari: dalle 5 alle 24 da lunedì a giovedì e dalle 5 alle 00,30 il venerdì, sabato, domenica, prefestivi e festivi. Le attività accessorie come musica strumentale e dal vivo, attrezzature di svago, apparecchi musicali, televisivi, meccanici e da gioco, tutti i giorni della settimana dalle 10 alle 24.

Per quanto riguarda gli intrattenimenti musicali e danzanti degli stessi pubblici esercizi (svolti in ambito dell’area aperta al pubblico, interna o esterna, delle attività commerciali) l’ordinanza prevede una differenziazione tra zone della città. Per quelli nelle vie cittadine fronte mare (Via Marconi - dalla Galleria degli Scoglietti all’incrocio con Via Trossarelli; Passeggiata Cavallotti - dall’incrocio con Via Milite Ignoto all’incrocio con Via Dante; Passeggiata Trento e Trieste - dall’incrocio con Via Dante all’incrocio con Via Tacito; Lungomare Varaldo - dall’incrocio con Via Tacito all’incrocio con Via Lamboglia) potranno essere proposti dalle 18 alle 23, dalla domenica al giovedì e dalle 18 alle 24 il venerdì, sabato e prefestivi. Per tutti gli altri dalle 18 alle 23 di tutti i giorni;.

In caso di manifestazioni di particolare valenza artistica e quindi di richiamo turistico, in particolari ricorrenze del calendario ed in occasione di rilevanti eventi organizzati dal Comune, il Sindaco potrà autorizzare diversi limiti degli orari di apertura e chiusura dell'esercizio.

Per quanto riguarda le norme speciali anti Covid è vietata la vendita da asporto di alcolici e superalcolici dalle 22 alle 6; è vietato il consumo di alcoolici e superalcoolici all’aperto, su suolo pubblico, dalle 22 alle 8.

Tutte le emissioni sonore sono subordinate al rispetto del regolamento saranno oggetto di verifiche tecniche con misurazione dei livelli di inquinamento acustico. Le sanzioni vanno da 250 a 1.500 euro ma, in caso di reiterazione verrà sospesa l’attività.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium