/ Attualità

Attualità | 23 novembre 2022, 12:16

Sanremo dichiara guerra alla plastica in spiaggia: domenica ‘Clean up’ ai Tre Ponti con I Deplasticati (video)

Appuntamento dalle 10 in collaborazione con Amaie Energia

La presentazione a palazzo Bellevue

La presentazione a palazzo Bellevue

Domenica mattina ‘Clean up’ di gruppo alla spiaggia dei Tre Ponti. L'iniziativa organizzata dall’assessorato all'ambiente guidato da Sara Tonegutti con l'associazione I Deplasticati, che da quattro anni opera con azioni di pulizia delle spiagge e altri luoghi pubblici e con specifiche campagne di sensibilizzazione, in occasione della “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR)”, volta a promuovere la realizzazione di azioni di sensibilizzazione sulla sostenibilità e la corretta gestione dei rifiuti. A partire dalle 10, quindi, si svolgerà la pulizia della spiaggia Tre Ponti, con la collaborazione di Amaie Energia.

Ogni anno oltre 8 milioni di tonnellate di plastica vengono scaricati nei mari, sommandosi agli oltre 150 milioni di tonnellate già presenti - commenta l’assessore all’Ambiente Sara Tonegutti - quando rifiuti e spazzatura vengono gettati nelle strade, nelle spiagge e negli oceani, iniziano a decomporsi rilasciando sostanze chimiche nocive nell'atmosfera, con conseguente impatto negativo sull'aria che respiriamo. Il nostro obiettivo è quindi quello di porre l'accento sulla prevenzione, sensibilizzando al rispetto della natura e del mare, con l'invito a ridurre i rifiuti con semplici e piccoli azioni quotidiane. Domenica mattina vi aspettiamo numerosi”.

Riteniamo che la sensibilizzazione passi attraverso la conoscenza delle peculiarità uniche non solo del nostro mare ma anche del nostro entroterra - aggiungono dall’associazione I Deplasticati - in questi anni ci siamo infatti confrontati con tutte quelle figure che, per passione o professione, ne hanno conoscenza: biologi marini, ornitologi, apicoltori, guide ambientali, subacquei, esperti di flora e fauna. Tali preziose conoscenze sono state portate dalla nostra associazione anche nelle scuole primarie, con la collaborazione dei dirigenti scolastici e degli insegnanti: i bimbi e i ragazzi vengono coinvolti in prima persona non solo attraverso incontri e dibattiti nelle classi ma anche con la partecipazione attiva nelle pulizie di gruppo. Le nostre iniziative hanno dunque sempre due scopi ben precisi: la promozione di uno stile di vita più sostenibile e la diffusione della conoscenza del nostro territorio. Siamo convinti infatti che si giunga al rispetto e alla tutela della terra in cui viviamo solo attraverso la consapevolezza”.

Le interviste

Le azioni per ridurre i rifiuti riguardano le 3 ‘R’: riutilizzo-riduzione-riciclo.

Riutilizzo: i consumatori coscienziosi possono davvero fare la differenza, scambiando gli oggetti monouso con quelli riutilizzabili. Questo vale non solo per la plastica ma anche per tutti gli altri articoli e prodotti monouso. Convinciamo i datori di lavoro, i compagni di classe, la famiglia, gli amici o i vicini a fare lo stesso!

Riduzione: ognuno di noi deve chiedersi se davvero abbiamo bisogno dei beni che stiamo per acquistare prima di acquistarli. Questo vale anche per la confezione e l'imballaggio. Si possono riutilizzare, prendere in prestito da un amico o riparare oggetti rotti o condividere gli strumenti di un vicino? Se la risposta è sì, allora possiamo e dovremmo ridurre!

Riciclo: è meglio dello smaltimento in discarica ma non è l'opzione preferita. Come mai? Se dobbiamo riciclare qualcosa, significa che stiamo già generando rifiuti. Se siamo seriamente intenzionati a riutilizzare e ridurre, il riciclaggio dovrebbe costituire solo una piccola parte dei nostri sforzi. Sfortunatamente, i rifiuti continuano a colpire le nostre città e la natura. Per contrastare i suoi effetti negativi, la SERR incoraggia azioni di clean up per la prevenzione dei rifiuti e per ripulire quelle aree in cui i rifiuti stanno ostacolando il buon funzionamento degli habitat naturali e umani.

Le azioni di tutela dell'ambiente messe in campo dal Comune di Sanremo.
In collaborazione con l’istituto Tethys, il Comune di Sanremo porta avanti politiche di tutela del mare con l'adesione alla “Carta di Partenariato del Santuario Pelagos” che interessa la straordinaria risorsa rappresentata dai cetacei presenti nelle acque antistanti il Ponente ligure. Grazie a particolari condizioni oceanografiche, vanta la più alta concentrazione di cetacei di tutto il Mar Mediterraneo e rappresenta il cuore dell'area marina protetta istituita nel 1999, su proposta dell'Istituto Tethys, da Italia, Francia e Principato di Monaco.

Inoltre, il percorso compiuto sul piano degli interventi di riqualificazione ambientale e di tutela del territorio e del mare hanno permesso al Comune di Sanremo di conseguire, nel 2018, la Certificazione Ambientale ISO 14001 (attestazione di conformità per il sistema di gestione ambientale) e, nel 2021, l'importante riconoscimento dalla Comunità Europea della registrazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme: strumento volontario di certificazione ambientale rivolto ad aziende ed enti pubblici che desiderano impegnarsi per valutare e migliorare la propria efficienza ambientale).

Da non dimenticare la riconferma annuale delle Bandiere Blu e l'ottenimento, nel luglio del 2022, del rinomato riconoscimento delle “Spighe Verdi”, il programma per lo sviluppo rurale sostenibile rivolto ai Comuni che intendono valorizzare ed investire sul proprio patrimonio rurale, migliorando le buone pratiche ambientali.

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium