ELEZIONI COMUNE DI TAGGIA
 / Attualità

Attualità | 10 maggio 2022, 12:26

Una delegazione di Badalucco in Norvegia per gettare le basi del gemellaggio nel segno dello stoccafisso

Un viaggio istituzionale per il sindaco del paese del buon vivere, Matteo Orengo, accompagnato dalle consigliere comunali Giusy Laigueglia e Donatella Boeri che da giovedì saranno ospiti a Ballstad

Matteo Orengo, sindaco di Badalucco

Matteo Orengo, sindaco di Badalucco

Una delegazione di Badalucco si recherà in Norvegia per gettare le basi del futuro gemellaggio nel segno dello stoccafisso. Un viaggio istituzionale per il sindaco del paese del buon vivere, Matteo Orengo, accompagnato dalle consigliere comunali Giusy LaiguegliaDonatella Boeri che da giovedì saranno ospiti a Ballstad, paesino di poco più di 800 anime sull'isola di Vestvågøya nell'arcipelago delle Lofoten. 

Si tratta del primo incontro tra le due comunità, dopo un lungo lavoro fatto in ufficio, per arrivare a quello che sarà il gemellaggio. Badalucco e Ballstad troveranno il loro punto di incontro proprio nello stoccafisso che accomuna queste due realtà per gli aspetti legati alla cultura e all'economia locale. Senza dimenticare che se tutto andrà a buon fine il gemellaggio cadrà in quella che si prospetta come una edizione storica per la Sagra dello Stoccafisso, 50ª edizione in programma a settembre.

L'INTERVISTA A MATTEO ORENGO

"Finalmente riusciremo a suggellare questo rapporto nel cinquantennale per la Sagra dello Stoccafisso ma che in realtà risale alla notte dei tempi, perchè questo prodotto fa parte della storia e della tradizione, sia culinaria e culturale del nostro paese. - sottolinea il sindaco Matteo Orengo - Era il piatto che la leggenda dice, ci abbia salvato dai Saraceni. E' soprattutto il piatto, alla baücôgna che si mangiava durante le feste delle varie confraternite che rappresentavano un modo più interessante di mangiare lo stoccafisso, mentre durante tutto l'anno si mangiavano patate al profumo di stoccafisso. Con il menù del priore invece si mangiava senza patate. La tipicità di questa ricetta nasce proprio dalla voglia sia del Priore di fare bella figura sia dei confratelli di mangiare un piatto diverso e più ricco di quello che erano soliti mangiare al venerdì giorno di penitenza, quindi quando non si mangiava la carne". 

"In Norvegia incontreremo il sindaco con la sua delegazione, il preside delle scuole, i produttori di stoccafisso, il curatore del museo e imprenditori locali, con cui intraprendere questo cammino che al più presto ma i tempi tecnici non sono così corti, spero ci porti a suggellare il gemellaggio. - spiega Matteo Orengo - Un secondo step sarà il 17 e 18 settembre quando tornerà la sagra dello stoccafisso, la 50ª edizione e la delegazione norvegese verrà a farci visita insieme all'ambasciatore e in questo caso potrà conoscere la nostra storia, le nostre tradizioni, i nostri imprenditori, gli attori che animano il nostro bel paese".

"Uno degli scopi del gemellaggio è quello che riguarda la sagra  e tutto quello che ruota intorno al 50° ma è anche soprattutto una opportunità per i nostri giovani per fare viaggi  di istruzione e scambi e scoprire culture diverse, crescere ed aprire la loro visione del mondo. Il Gemellaggio è sempre una forma di arricchimento per i territori ma qui con una base fortissima rappresentata dallo stoccafisso" - conclude il sindaco Matteo Orengo. 

(Nella gallery fotografica le immagini della Sagra dello Stoccafisso del 2019 ndr)

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium