Elezioni comune di Diano Marina

 / Attualità

Attualità | 16 agosto 2021, 10:54

Sanremo: mancanza dell’auto sostitutiva per il consorzio taxi, Claudio Delle Monache (Confartigianato) rilancia la questione

Più di tre settimane senza la vettura, per un guasto tecnico di cui non si riesce a capire l’origine, con conseguente impossibilità di lavorare.

Sanremo: mancanza dell’auto sostitutiva per il consorzio taxi, Claudio Delle Monache (Confartigianato) rilancia la questione

Più di tre settimane senza la vettura, per un guasto tecnico di cui non si riesce a capire l’origine, con conseguente impossibilità di lavorare. E’ quanto sta accadendo ad un tassista di Sanremo, alle prese con un problema che, proprio in uno dei periodi potenzialmente di maggior lavoro, è costretto a stare fermo con un danno economico.

“Una situazione che da un lato evidenzia problematiche tecniche di autofficine e di alcune vetture, nello specifico la Toyota che in 25 giorni non ha considerato le segnalazioni giunte anche da altri colleghi, tanto che ci siamo dovuti rivolgere ad un legale, l’avvocato Marzia Baldassare, per evidenziare i problemi riscontrati su tutta la provincia  – ha detto Claudio Delle Monache, presidente della categoria Taxi di Confartigianato – e dall’altro riporta d’attualità un tema che più volte abbiamo sollevato: la richiesta di poter disporre, come Consorzio Taxi, di un’auto sostitutiva. Si tratta di una vettura che, senza aumentare il numero di Taxi sul territorio o di licenze, sarebbe messa a disposizione per coloro che sono impossibilitati ad utilizzare la propria".

"Già in passato - termina - avevamo ribadito l’intenzione di acquistare, a complete spese del Consorzio Taxi Sanremo, un veicolo sostitutivo da destinare a qualsiasi consorziato che, per cause a lui non imputabili, si trovi momentaneamente nella condizione di non poter utilizzare il proprio mezzo (così come previsto dall’art. 6 comma 1, lettera d) della Legge n°248/06) permettendogli così di continuare a lavorare. Una soluzione già adottata, in base alla Legge nazionale sopracitata, in tutta la regione Liguria, come per esempio nei Comuni di Imperia, Genova, Savona e La Spezia. Questo nuovo episodio conferma come la richiesta si basi su questioni concrete che, se non risolte, hanno pesanti ripercussioni economiche su qualunque tassista che si dovesse trovare in tale situazione. Ora la parola passa al Comune di Sanremo cui rinnoviamo l’invito ad analizzare questa nostra istanza, rendendoci disponibili ad un incontro per illustrare ogni dettaglio necessario anche di tipo normativo”.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium