Leggi tutte le notizie di 2 CIAPETTI CON FEDERICO ›

Attualità | 06 marzo 2021, 07:14

Stasera la finale del Festival: oggi spiegamento di forze per evitare assembramenti e mirino sul futuro della convenzione

Per quest’anno si è fatta una proroga ma, ne siamo certi, il Sindaco Biancheri si metterà subito al lavoro per trovare accordi importanti in chiave futura con la Rai.

Stasera la finale del Festival: oggi spiegamento di forze per evitare assembramenti e mirino sul futuro della convenzione

Scatta oggi l’ultima giornata del Festival di Sanremo, una kermesse canora che per tanti giorni abbiamo chiamato ‘diversa’ e che tale è stata e, sicuramente, sarà anche oggi così. Innanzi tutto il periodo, a ridosso dell’inizio della primavera rispetto alla classica prima settimana di febbraio o, addirittura, nel freddo gennaio nel tempo che fu.

Un Festival che, purtroppo, sarà ricordato come quello del Covid o delle chiusure di bar e ristoranti ma che, come più volte ribadito dal Sindaco di Sanremo, doveva essere fatto. In molti non lo capiscono e lo si evince anche dai commenti che i sanremesi lasciano sotto le nostre notizie. E, in taluni casi sono anche interventi comprensibili, dettati da momenti di rabbia e sconforto.

Un Festival come quello di quest’anno, con la città praticamente vuota, con pochissimi addetti ai lavori al seguito, senza ‘Red Carpet’ e collaterali e, soprattutto senza il palco di piazza Colombo che bene ci aveva abituati lo scorso anno, per i sanremesi è quasi come se non si fosse svolto. Ma, una volta accesa la ‘macchina’ del Festival a seguito dello slittamento di marzo, non si poteva più tornare indietro.

La manifestazione si regge su uno spettacolo televisivo che fa grandi ascolti e su sponsor che acquistano spazi pubblicitari importanti e costosi. E la Rai, una volta avviata la ‘macchina’ organizzativa non poteva ovviamente tirarsi indietro, come accaduto regolarmente per molti altri spettacoli televisivi e come succede per il calcio.

E’ ovvio che vedere una città ‘silenziosa’ come quella di questa settimana fa male e fa ancora più male vedere i locali chiusi senza un po’ di movida a far festa nel corso della notte. La speranza è che tutto questo serva a far rinascere non solo Sanremo e il suo Festival ma tutto quanto, in Italia e nel mondo. Oggi sarà l’ultima giornata ed è previsto un massiccio spiegamento di forze dell’ordine per evitare che qualcuno la usi da vetrina con manifestazioni che provochino assembramenti e rischi per la salute.

I primi quattro giorni sono volati via senza problemi di questo genere, con la manifestazione organizzata dall’associazione fieristi che si è svolta sempre nel massimo dell’attenzione alle normative (se si eccettua qualcuno che si è ostinato a non indossare le mascherine). Oggi ne sono previste altre due: una alle 11 in piazza Colombo con le mamme che chiederanno la riapertura delle scuole e un’altra alle 15, di fronte al Casinò, dove protagonisti saranno i dipendenti della casa da gioco.

Stasera la finale del Festival e domani le ultime conferenze stampa che faranno calare il sipario alla kermesse canora. Ora l’attenzione si sposta al 2022, ma in chiave amministrativa anche sulla convenzione. Per quest’anno si è fatta una proroga ma, ne siamo certi, il Sindaco Biancheri si metterà subito al lavoro per trovare accordi importanti in chiave futura con la Rai. Sul tavolo c’è anche la manifestazione estiva promessa da Amadeus e il famoso ‘PalaFestival’, ma ora deve prima finire l’Amadeus ‘Bis’.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

lunedì 12 aprile
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium