/ Attualità

Attualità | 12 gennaio 2021, 16:38

Una petizione online per riaprire in sicurezza il Casinò di Sanremo: l’appello dei lavoratori alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Si può votare sul sito change.org

Una petizione online per riaprire in sicurezza il Casinò di Sanremo: l’appello dei lavoratori alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Corre sul web la petizione dei lavoratori del Casinò di Sanremo per la riapertura della casa da gioco. Le porte sono chiuse da mesi, con ovvie conseguenze per i dipendenti e per l’intero tessuto economico e turistico sanremese.
Per questo è stata organizzata una petizione su change.org, indirizzata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Così scrivono i promotori della petizione:

Durante il 2020 la nostra Azienda è stata costretta a sospendere l'attività per 178 giorni, ovvero 6 mesi di blocco totale. Ad oggi permane forte incertezza circa il futuro e non è dato sapere se e quando giungeranno le necessarie autorizzazioni alla ripresa dell'operatività aziendale.
A nulla sono valsi un Protocollo di regolamentazione per il contenimento del Covid-19 redatto in senso maggiormente restrittivo rispetto alle norme generali previste e una situazione di assoluta sicurezza nella quale Azienda e lavoratori hanno operato dal 16 giugno 2020 fino alla seconda sospensione ordinata con DPCM del 24 ottobre 2020.
A ciò si aggiunge un input politico che tende, sotto traccia e in modo del tutto inappropriato, a criminalizzare l'esistenza stessa dell'Azienda e a giudicarla, in qualche modo, sacrificabile.
A questo proposito preme evidenziare che:
1. Le Case da Gioco attive sul territorio nazionale, grazie all'efficace controllo pubblico, sono da sempre presidio di legalità e vigilanza anche nel contrasto alle ludopatie e al gioco illegale.
2. Stante la situazione pandemica in atto, che nessuno intende in alcun modo minimizzare, vanno individuate restrizioni proporzionali ai livelli di rischio, senza che i condizionamenti politici e pseudo-morali entrino a gamba tesa su questioni che nulla hanno a che spartire con l'emergenza sanitaria in corso.
3. Giudicare “non essenziale” un'attività produttiva senza intravedere le conseguenze esiziali che le decisioni politiche stanno determinando risulta inaccettabile.
Il protrarsi di tale situazione rischia di produrre effetti irreparabili sulla stabilità della Casa da Gioco e di conseguenza sui posti di lavoro dei 212 dipendenti diretti, oltreché sul centinaio di lavoratori dell'indotto, e questo anche in virtù di una politica di ristoro gravemente insufficiente.
Se riaprire in sicurezza significa: contingentare ulteriormente gli ingressi o aumentare i livelli di controllo o inasprire i dettami contenuti nel Protocollo di regolamentazione, allora tutto ciò venga richiesto e attuato, viceversa la strada senza ritorno della crisi rischia di determinare effetti sociali drammatici.

Pietro Zampedroni

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium