/ Politica

Politica | 01 agosto 2020, 18:15

Regione, Alice Salvatore: "La sanità deve tornare pubblica. No a chiusura ospedali di Imperia e Sanremo"

L'esponente de 'ilBuonsenso' sarà alle 18 in Piazza De Amicis a Imperia, alla manifestazione organizzata da CittadinanzAttiva contro la chiusura delle due strutture

Regione, Alice Salvatore: "La sanità deve tornare pubblica. No a chiusura ospedali di Imperia e Sanremo"

“La sanità Ligure non funziona, e non certamente a caso. Le selvagge privatizzazioni, le continue concessioni alle multinazionali e gli intramoenia  dei medici ospedalieri hanno ormai reso la salute pubblica un business e i pazienti sono visti come dei clienti”. Ad Affermarlo è Alice Salvatore, Presidente de ‘ilBuonsenso’ che continua: “Lontano da noi voler demonizzare il privato, che può raggiungere punte di eccellenza, ma i privati puri, non i privati convenzionati, mentre il territorio Ligure deve ritornare alla prevalenza del pubblico puro, che abbia come priorità massima la salute e non il profitto".

Ci vogliono nuove assunzioni e investimenti nella medicina domiciliare: li possiamo ottenere con piani di prevenzione, risparmiando finalmente sulle risorse che vengono utilizzare malissimo e investendo i soldi sprecati oggi in disavanzo regionale.

E bloccando scempi sul territorio:  come l'ospedale unico di Taggia, il quale viene presentato dalla Giunta come una grande innovazione per tutto il territorio, come punto di riferimento per la salute della zona, ma che paradossalmente avrebbe meno posti letto dei complessivi presidi attualmente attivi sul territorio.

Non sono queste le strategie da utilizzare, ovvero singoli poli ospedalieri comportano chiusura e smantellamento degli esistenti pronto soccorso diffusi sul territorio. Solo una politica miope del tutto inadatta alle esigenze dei liguri può pensare a questo.

Sarò stasera alle 18.00 in Piazza De Amicis a Imperia, alla manifestazione organizzata da CittadinanzAttiva contro la chiusura delle strutture di Imperia e di Sanremo, per impedire questo avvitamento della politica e della sanità verso il privato e lo svilimento del pubblico. E' necessaria una immediata inversione di tendenza, ilBuonsenso ha già realizzato con specialisti piani ragionati di risparmio per un rilancio della sanità pubblica regionale all’indice della salute del cittadino”.

C.S.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium