/ Politica

Politica | 10 dicembre 2018, 12:47

Pigna: ancora problemi per il Rio Carne, la Regione concede la derivazione d’acqua alla società Remna, Trutalli “Oltre ad un’incongruenza c’è una grande mancanza di sensibilità”

Nell’udienza dello scorso 5 dicembre presso il Tribunale di Roma la società Remna ha presentato la Concessione Derivazione d’Acqua ottenuta, a quanto pare, dopo l’inizio del procedimento in atto, dalla Regione Liguria che è peraltro coimputata nello stesso processo.

Pigna: ancora problemi per il Rio Carne, la Regione concede la derivazione d’acqua alla società Remna, Trutalli “Oltre ad un’incongruenza c’è una grande mancanza di sensibilità”

“Oltre ad un’incongruenza c’è una grande mancanza di sensibilità.” A dirlo è Roberto Trutalli del comitato ‘Amici del Rio Carne’ di Pigna che, negli ultimi anni si è battuto contro la costruzione di una mini centrale idroelettrica da parte di una società privata, la Remna Srl.

Nella zona sottostante il ponte romano che sorge sul Rio Carne, anche accanto ad un ex frantoio del XVI secolo, dovrebbe essere costruito uno sbarramento con lo scopo di incanalare l’acqua per attivare una centrale. Un’opera che ha spaventato fin da subito i residenti, non solo per la bellezza e l’unicità del posto in cui andrebbe costruita, ma per le conseguenze a livello paesaggistico, ma non solo, che si andrebbero ad avere con la realizzazione della centrale. 

La battaglia sembrava ormai conclusa con un punto a favore degli ‘Amici del Rio Carne’, ma una brutta novità del 5 dicembre scorso ha destato nuovamente la preoccupazione dei residenti e non solo. La Provincia di Imperia, infatti, aveva annullato l’autorizzazione unica, già a suo tempo concessa alla società Remna che, però, ha impugnato il provvedimento presso il Tribunale delle Acquee di Roma. 

Una delle principali motivazioni di questo provvedimento era stato l’intervento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, dipartimento Liguria, che aveva evidenziato come tale opera potesse compromettere l’antico e storico ponte romano del XV secolo, protetto e sottoposto a vincolo paesaggistico 

Nell’udienza dello scorso 5 dicembre, però, presso il Tribunale di Roma la società Remna ha presentato la Concessione Derivazione d’Acqua ottenuta, a quanto pare, dopo l’inizio del procedimento in atto, dalla Regione Liguria che è peraltro coimputata nello stesso processo.

“Non è arrivata alcuna comunicazione ufficiale nemmeno al Comune - spiega Roberto Trutalli del comitato ‘Amici del Rio Carne - ma sembra che la Regione Liguria abbia dato una concessione di derivazione d’acqua nonostante la mancanza di un’autorizzazione unica in quanto revocata e nonostante fosse coimputata nello stesso processo. Oltre ad un’incongruenza c’è una grande mancanza di sensibilità.” Notizia che non è stata accolta con piacere dal comitato ‘Amici del Rio Carne’ che non ha intenzione di rinunciare a difendere quel luogo e continua a considerare aperta la propria battaglia. 

Simona Della Croce

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium