/ Attualità

Attualità | 11 gennaio 2021, 15:26

Badalucco: è arrivato il giorno della premiazione per il concorso 'Sia fatta la luce', Orengo "Grande adesione, c'era voglia di girare pagina"

I vari quartieri del paese hanno partecipato a questa iniziativa addobbando alcuni degli angoli più caratteristici del borgo della Valle Argentina con luci e decorazioni in tema con il Natale.

Badalucco: è arrivato il giorno della premiazione per il concorso 'Sia fatta la luce', Orengo "Grande adesione, c'era voglia di girare pagina"

A Badalucco, il rione 'U Ciazzà' e via Quinto Marzio sono i vincitori al primo posto ex aequo del concorso "Sia fatta la luce - Fiat Lux" indetto dall'amministrazione comunale per le festività natalizie. I vari quartieri del paese hanno partecipato a questa iniziativa addobbando alcuni degli angoli più caratteristici del borgo della Valle Argentina con luci e decorazioni in tema con il Natale.

"I nostri concittadini hanno aderito in maniera entusiastica al concorso indetto dall'amministrazione comunale "Fiat lux" che aveva l'obiettivo di incrementare le luminarie in paese - ha detto il sindaco Matteo Orengo, intervenuto per la premiazione della migliore installazione - C'era evidentemente una gran voglia di girare pagina rispetto ad un anno anomalo, contrassegnato dai dati della pandemia"  

Nella categoria "Distanti ma Vicini" il primo posto è andato a 'Mille luci e una stella' di U Ciazzà e 'Luce sia' di via Quinto Marzio, vicolo Fontana e via Risorgimento. Il 2° premio se l'è aggiudicato 'U Cian vi illumina di immenso in strada Poggio. Infine, il primo premio della categoria 'Casa Dolce Casa' è stato assegnato a "Te la dò io la luce" BrasArte di via Romana, 4. I premi consistevano in una natività eseguita artisticamente in gesso e in alcune luminarie di pregio.

"Al concorso, giunto alla sua seconda edizione, hanno preso parte - ha spiegato l'assessore Donatella Boeri - otto quartieri e due abitazioni private. L'adesione sarebbe stata molto più elevata, se non ci fosse stato un lungo periodo di maltempo".

"Al di là del premio - ha detto un esponente di U Ciazzà - quello che è stato importante è stato lo spirito di squadra e lo spirito di partecipazione pienamente condivisa da tutti".

Numerosi gli abitanti e le famiglie badalucchesi che hanno scelto di addobbare i loro terrazzi, senza iscriversi al concorso. L'intento appare chiaro, la comunità di questo borgo ha scelto la luce della speranza per scacciare più in là buio, tristezza e silenzio che il Covid ha fatto scendere sulle nostre vite. 

Stefano Michero

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium